martedì 31 gennaio 2017

L'effigie del papa scompare dalle monete del Vaticano.

Il volto del sovrano pontefice non apparirà più sulla valuta locale. 
https://shop.moruzzi.it/it/monete/monete-della-citta-del-vaticano/citta-del-vaticano-francesco-bergoglio-dal-2013-serie-annuale-ufficiale-8-valori-2014-fdc.html
L'effigie di Papa Francesco scomparirà a partire da marzo dall'euro dello Stato del Vaticano, sostituito dallo stemma e le dodici stelle dell'Unione europea, ha detto venerdì il giornale cattolico "Avvenire"

Le otto nuove facce nazionali delle monete (che vanno da un centesimo a due euro) sono state pubblicate sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea del 24 gennaio e non hanno più l'immagine del Papa argentino. L'altro lato è lo stesso di tutte le nazioni della zona euro. 

Papa Francesco è spesso chiamato "il Papa dei poveri", non ha mai nascosto il suo pensiero sul potere negativo del denaro. A causa della loro rarità, gli euro del Vaticano, che hanno corso legale in tutti i paesi della zona euro, in generale, sono sul mercato speculativo dei collezionisti. 

Gli accordi firmati tra l'Unione monetaria europea e lo Stato italiano - il Vaticano ne dipende per il conio delle monete - prevedono una quota monetaria specifica per il Vaticano. La prima serie annuale degli "euro del Papa" era stata messa in vendita il 1° marzo 2002, con l'immagine di Giovanni Paolo II. 

lunedì 30 gennaio 2017

L'anti-abortista Trump firma. La foto del suo gabinetto. 7 uomini 7.

Il 23 gennaio, il nuovo presidente degli Stati Uniti ha firmato un decreto che ripristina una legge che blocca i finanziamenti per le ONG  internazionali davorevoli all'aborto. La foto della firma immortala quello che aggiunge e "strofina il sale nella ferita" (traduco da twists the knife - rimette il coltello nella piaga) dice il sito americano Mic
https://mic.com/articles/166375/one-photo-twists-the-knife-on-trump-s-anti-abortion-executive-order#.1nIzVTVeZ
Due giorni dopo la marcia delle donne, che ha mobilitato quasi 2 milioni di donne negli Stati Uniti, Donald Trump ha firmato un testo che limita l'accesso all'aborto. Tale decreto fu emanato da Ronald Reagan nel 1984, abbandonato da Bill Clinton, reintegrato da George W. Bush nel 2001 e di nuovo abbandonato da Obama nel 2009. 

Questo decreto, chiamato Global Gag Rule vieta il finanziamento, da parte degli Stati Uniti, delle ONG internazionali che sostengono l'aborto. Le organizzazioni non governative dovranno quindi fare una scelta difficile: abbandonare il finanziamento degli Stati Uniti o rinunciare a servizi di pianificazione familiare offerti alle donne. 
Sette uomini bianchi

"Con questo decreto, le donne hanno molto da perdere, sottolinea il sito Mic. Non c'è da stupirsi, quindi, che Trump lo abbia adottato nella più completa assenza di donne". 

Circondato da sei uomini - il vice presidente Mike Pence, il capo dello staff della Casa Bianca Reince Preibus, Pete Navarro, capo del Consiglio Nazionale per il Commercio e i consiglieri Jared Kuschner, Stephen Miller e Steve Bannon. - Così Trump ha firmato il Global Gag Rule

Secondo il New York Times"Questa immagine dà un assaggio di ciò che si sta profilando. L'ufficio di Trump sembra più bianco e maschilista di tutti i gabinetti in vigore da Ronald Reagan in poi", dice il giocatore americano puro. 

L'istantanea ha provocato anche la reazione del giornalista del Guardian Martin Belam che, stupefatto, dice che "non accadrà mai di vedere che sette uomini firmino una legge che attiene ai loro organi riproduttivi" (credo volesse anche dire di un palese conflitto di interesse o che si tratta del solito provvedimento del ca***). Così si può leggere su Twitter

domenica 29 gennaio 2017

I Sex toys sono meno dannosi dei giocattoli.

Secondo uno studio i giocattoli del sesso sono più sicuri di quelli per bambini, perchè contengono meno prodotti chimici vietati dei giocattoli classici. 
https://www.theguardian.com/lifeandstyle/2017/jan/23/sex-toys-childrens-toys-swedish-banned-chemicals-study
Contengono meno materiali pericolosi che i giocattoli dei bambini, ha detto lunedi l'autorità di controllo delle sostanze chimiche, la svedese Swedish Chemicals Agency (SCA), che ha avuto l'idea di fare un confronto. 

Nel 2015, questo ente ha esaminato un campione di 112 giocattoli per bambini e ha trovato prodotti chimici vietati nel 15% di essi. Nel 2016 lo stesso tipo di analisi riguardante i giocattoli sessuali ha rivelato la presenza di sostanze pericolose solo nel 2% dei 44 prodotti analizzati. "É stata la prima volta che abbiamo condotto questo studio" ed "è stato un po' sorprendente", ha detto l'ispettrice Frida Ramström. 

Per quanto riguarda i prodotti del sesso, soltanto un dildo di plastica è stato più problematico con la sua paraffina clorurata, composto pericoloso per l'ambiente e sospetto cancerogeno. 

Secondo la signora Ranstrom, i venditori di giocattoli del sesso scelgono più seriamente i fornitori che si attengano scrupolosamente alle norme sanitarie europee. "Le aziende svedesi acquistano da distributori e sanno come soddisfare le loro esigenze". 

Tuttavia, l'ispettrice ha avuto più difficoltà nello spiegare perché gli standard sono stati spesso violati con i giocattoli, importati dall'Asia nella loro grande maggioranza. Il mercato dei giocattoli è più frammentato, per la presenza di molti piccoli produttori o di importatori che non hanno un peso sufficiente, tale da costringere i loro subappaltatori a rispettare le norme, secondo l'ipotesi di un portavoce dell'agenzia svedese, Björn Malmström. 

L'Ispezione ha anche rilevato la presenza di sostanze chimiche in tre giocattoli sessuali (due nastri in simil pelle e nastro adesivo per bondage) dove gli ftalati erano in concentrazioni superiori allo 0,1%, soglia oltre la quale devono, in linea di principio, essere dichiarati. 

L'Unione europea, caso per caso, ha approvato queste sostanze che ammorbidiscono la plastica e che sono considerati pericolosi perché possono indurre alterazioni dell'equilibrio ormonale e della fertilità umana. 

Nei risultati dell'ispezione si rileva, tuttavia, che il campionamento dei prodotti chimici "non riflette la realtà di tutto il mercato di un determinato gruppo di prodotti". 

Il mercato globale dei giocattoli del sesso è stimato in circa 20 miliardi di euro all'anno. Secondo la società di ricerche Technavio dovrebbe crescere di quasi il 7% l'anno tra il 2016 e il 2020. americani e cinesi sono tra i più grandi consumatori di giocattoli sessuali. 

sabato 28 gennaio 2017

Pomodori insipidi. Presto riavremo il sapore perduto.

I ricercatori hanno identificato i geni che influenzano il sapore dei pomodori e l'industria potrebbe ripristinare il loro sapore perduto. 
http://science.sciencemag.org/content/355/6323/391
Ricercatori statunitensi hanno identificato le varianti genetiche che danno sapore ai pomodori industriali, spesso di cattivo gusto."Noi ripristineremo il sapore dei pomodori perduti negli ultimi decenni". 

Lo afferma il professore di orticoltura presso l'Università della Florida, Harry Klee, che ha condotto lo studio. Dice: "renderemo molto migliori i pomodori del supermercato". Le sue opere sono state pubblicate giovedi sulla rivista Science

Uno dei primi passi della ricerca è stato quello di determinare quali fossero le sostanze chimiche, tra le centinaia, che contribuiscono a rendere i pomodori saporiti. Lo scienziato dice che le attuali varietà industriali non contengono abbastanza zucchero e sostanze essenziali per insaporire. 

Queste qualità si sono perse nel corso degli ultimi cinquant'anni, perché i produttori non hanno gli strumenti scientifici necessari per verificare periodicamente il gusto dei loro pomodori. 

Lavorando sul genoma del pomodoro che è stato completamente sequenziato nel 2012, gli scienziati sono stati in grado di identificare i cambiamenti in cinque o sei geni che controllano la sintesi di tutte le sostanze chimiche importanti che contribuiscono a dare sapore a questi frutti. 

Hanno poi sostituito il genoma delle varianti genetiche insipide del pomodoro industriale con quelle che danno loro sapore. Ma dal momento che la creazione di una nuova varietà richiede tempo, gli scienziati stimano che ci vorranno tre o quattro anni per produrre i nuovi pomodori con gusto. 

Gli Stati Uniti sono il secondo più grande produttore di pomodoro dopo la Cina, secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA)

venerdì 27 gennaio 2017

I cibi troppo cotti sono dannosi. Attenzione!

Secondo l'Autorità per la sicurezza alimentare britannica, è necessario osservare alcune regole e mette in guardia l'opinione pubblica contro alcuni processi di cottura che indurrebbero il cancro. 
http://www.bbc.com/news/health-38680622
Pane tostato croccante, fritto o arrosto di patate, gli inglesi, e non solo loro, farebbero bene a non grigliare, le autorità sanitarie raccomandano lunedi in una campagna che evidenzia i rischi di cancerogenicità connessi con la cottura estrema. 

Le parti di cibo rosolato, in queste circostanze, infatti, contengono l'acrilamide, un glicazione (detta anche glicosilazione non enzimatica) alimentare, scoperta nel 2002 da ricercatori svedesi, potenzialmente cancerogena e neurotossica. L'acrilamide, dice l'agenzia per la sicurezza alimentare britannica Food Standard Agency (FSA), si forma in particolare in alimenti ricchi di amido (patate, pane ...) durante la cottura ad alta temperatura. 

https://www.food.gov.uk/news-updates/news/2017/15890/families-urged-to-go-for-gold-to-reduce-acrylamide-consumptionPer ridurre al minimo l'esposizione a questa sostanza chimica, la FSA consiglia di limitare la cottura e offre ai consumatori un piccolo trucco visivo (Families urged to 'Go for Gold'. Vedi immagine): preferire il colore "oro" al marrone, segno di una prolungata cottura. 

"La maggior parte delle persone non sono a conoscenza dell'esistenza dell'acrilamide", dice la FSA, sperando che questa campagna dia ai consumatori i mezzi per ridurre "il loro consumo di acrilamide".  

Al suo lancio è stato particolarmente commentato, lunedi sulla stampa britannica, la BBC si chiede se si debbano "abbandonare i toast". 

Il tabloid "Daily Mail", dal canto suo, ha cercato di rassicurare i suoi lettori affermando, con il supporto di esperti, che bisognerebbe mangiarne almeno "320 fette al giorno" e che tutto sommato una buona grigliata non rappresenta nulla di particolarmente pericoloso. 

Secondo l'Autorità per la sicurezza alimentare (EFSA), "i dati provenienti da studi su animali indicano che l'acrilamide ed il suo metabolita glycidamide, sono genotossici e cancerogeni". 

In studi sugli esseri umani, "le prove a dimostrazione che l'esposizione alimentare al acrilamide provochi il cancro sono attualmente limitate e inconcludenti". 

giovedì 26 gennaio 2017

Donald Trump fa impennare le vendite di "1984" di Orwell

Straordinaria pubblicità per "1984", le vendite del romanzo di George Orwell sono state alimentate dalle ultime dichiarazioni del team di Trump. 
Donald Trump in una foto di Nate Gowdy su The Stranger
Donald Trump came to Everett, WA to rally his supporters last night.
https://books.google.it/books?id=uyr8BAAAQBAJ&printsec=frontcover&dq=1984&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwj84Le92t_RAhWCBsAKHfh5DWsQ6wEIHjAA#v=onepage&q=1984&f=falseUn riferimento al romanzo "1984", usato involontariamente, dal consigliere di Donald Trump, ha aumentato le vendite del libro di George Orwell, fino al punto di spingere mercoledì l'editore a ordinarne 100.000 copie supplementari. 

Per difendere il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, che aveva assicurato, contro ogni evidenza, che la platea della cerimonia per il nuovo presidente fosse la più grande mai vista, la consulente Kellyanne Conway ha definito domenica, questi, come "fatti alternativi". 

É stato dimostrato che la folla, lo scorso venerdì per la cerimonia a Washington era molto meno numerosa rispetto alla popolazione venuta a salutare Barack Obama nel 2009. 

Diversi media hanno notato subito che il termine usato da Kellyanne Conway è stato impiegato nel romanzo "1984", che descrive una società in cui il governo controlla strettamente le informazioni. 

L'autore, il britannico George Orwell introdusse il concetto di "bipensiero" (doublethink), che porta il governo a sare la sua versione dei fatti e di affermarsi come "verità", che coesiste con il reale. 

Durante le ore che seguirono la controversia, le vendite di "1984", pubblicato originariamente nel 1949, sono salite alle stelle. Il libro era mercoledì negli USA in testa nelle vendite sulla piattaforma Amazon

Secondo un portavoce di Signet, una filiale della casa editrice Penuguin Random House, che detiene i diritti del libro negli Stati Uniti, le vendite del romanzo sono aumentate cento volte dall'insediamento di Donald Trump (9500 %). 

Dopo aver lanciato la ristampa di 75.000 copie del libro all'inizio della settimana, Signet, mercoledì, aveva emesso un nuovo ordine per 100.000 unità di diversi libri di George Orwell, tra cui "1984", "per soddisfare la domanda", ha detto il suo portavoce. 

Fin dalla sua prima pubblicazione, "1984" ha venduto 30 milioni di copie negli Stati Uniti, secondo Signet. 

Per lo psicologo Marilyn Wedge, che ha pubblicato un articolo sul sito web Psychology Today The Historical Origin of "Alternative Facts", è possibile effettuare una riconciliazione tra il "1984" e le pratiche della giovane amministrazione Trump. Donald Trump "sta cercando di farci credere in ciò che lui e i suoi consiglieri dicono, piuttosto che ciò che dicono i nostri occhi". 
____________
vedi anche:
É il tempo della 'POST-VERITÀ', dopo Brexit, Trump e .. ..

Cannabis e schizofrenia. Trovate correlazioni dagli scienziati.

Uno studio internazionale dimostra che l'uso di cannabis aumenta il rischio di malattie mentali. 

https://www.sciencedaily.com/releases/2016/12/161219084641.htm
I dati epidemiologici raccolti in oltre quarant'anni già lasciavano fortemente supporre l'esistenza di un'associazione tra cannabis e schizofrenia, anche, a seconda della dose. Ma nessuno studio aveva finora consentito di determinare con precisione se la pianta sia direttamente responsabile della comparsa della malattia.

Questo viene ora confermato da questa ricerca internazionale. Lo studio è basato su una tecnica analitica chiamata randomizzazione mendeliana (metodo che fornisce nuove opportunità per testare la causalità ed esplorare i meccanismi biologici e mostra come nel progetto sul genoma umano possa contribuire a capire e a prevenire ...) che permette di studiare il rapporto tra un fattore di rischio - in questo caso la cannabis - e l'insorgenza della malattia - schizofrenia - utilizzando marcatori genetici fortemente legati al fattore di rischio. 

Il vantaggio di usare questi è il fatto che essi sono innati e distribuiti casualmente nella popolazione dal concepimento. Essi non sono influenzati da fattori ambientali, come il background familiare o il livello socio-economico, ha spiegato Julien Vaucher, primo autore dello studio. 

I ricercatori si basano su dati provenienti da una pubblicazione del 2016 che ha evidenziato dieci marcatori genetici legati al consumo di cannabis all'interno di una popolazione di 32.000 individui. Gli stessi marcatori sono stati poi cercati in un database separato che analizzava il rischio di schizofrenia tra 34.000 pazienti e 45.000 persone indenni dalla malattia. 

Combinando le informazioni provenienti da entrambe le fonti si è determinato che l'uso di cannabis è associato ad un rischio di schizofrenia incrementato del 37%, paragonabile a quelli discussi in studi di osservazione fatti in passato. Inoltre, il collegamento non viene modificato da altri fattori, tra cui l'uso del tabacco, che potrebbero influenzarne i risultati. 

Questi risultati "robusti" si aggiungono a quelli di numerose pubblicazioni nel campo che indicano che il legame tra uso di cannabis e aumento del rischio di schizofrenia è causale, dicono gli studiosi.

L'esperto fa anche notare che sono importanti in termini di salute pubblica nell'informare sui rischi del consumo di cannabis, in particolare per quanto riguarda la salute mentale. 

Mentre questa sostanza sta vivendo un'ondata di liberalizzazione e viene sempre più utilizzata per scopi terapeutici, è ora di capire meglio i meccanismi in gioco. Nuovi studi potrebbero consentire, ad esempio, di proporre i messaggi di prevenzione per i gruppi a rischio di schizofrenia o di disturbi correlati. 

Dato il metodo utilizzato, i ricercatori dicono che lo studio non ha permesso l'indagine di rischio in funzione della quantità consumata, del tipo di cannabis, del tipo di somministrazione o dell'età degli utenti. "Abbiamo messo l'avviso sulla strada di casa, ma sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questi punti". 

La cannabis è la droga illegale più utilizzata, con una stima di 182 milioni di consumatori nel 2013. Altri studi avevano già mostrato i percorsi di neurotrasmissione deteriorati coinvolti nella genesi dei disturbi psicotici e la maturazione della corteccia cerebrale negli adolescenti.

Gruppi di ricerca del Nord britannico e americano hanno contribuito al lavoro pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry
___________
Vedi anche: 

mercoledì 25 gennaio 2017

Alla ricerca del profumo del sultano. Attar, fragranza e sensualità.

Sul percorso del tempio del profumo indiano sensuale. Lo storico e scrittore William Dalrymple è andato in Uttar Pradesh per incontrare gli ultimi custodi di una tradizione antica: i produttori di Attar, profumo dei sultani. 
https://www.1843magazine.com/features/scents-and-sensuality
"L'arte per la quale l'India fu un tempo invidiata e famosa", scrive William Dalrymple, in un lungo rapporto su 1843 Magazine, il supplemento bimestrale di The Economist. L'Attar si riferisce, in India, ai sapori tradizionali ottenuti da oli vegetali.

Le loro origini risalgono ai Veda (I° millennio aC"). Ma sono stati i sultani Indo-musulmani che hanno formato il cursus honorum di questi profumi ai quali erano particolarmente affezionati nel loro passato splendore. 

Dalrymple, storico e scrittore scozzese, autorevole ed eminente esperto dell'India, ha intrapreso un viaggio per Kànnaugi, una città nello stato di Uttar Pradesh, nel nord dell'India. Famoso per la sua preziosa sapienza nel campo dell'Attar. "In passato, noto come uno dei luoghi più belli del subcontinente, più volte saccheggiato ... Oggi, al di là del Museo Archeologico che espone frammenti di sculture del VII° secolo, rimane la raffinatezza del passato della città con un centinaio di distillatori di Attar", sottolinea Dalrymple. 

L'autore è andato presso uno di questi artigiani dall'esperienza millenaria. "Ho sentito la distilleria di Abdul Gafoor prima ancora di vederla", dice. "Dopo uno stretto sentiero, fui sopraffatto dai profumi commisto al fumo di legna e ventate di fiori, legno di sandalo e spezie". 

Come spiega Dalrymple, la formula per ogni specie è un segreto ben custodito all'interno delle famiglie. Le materie prime vengono riscaldate in caldaie di rame e il distillato raccolto in un recipiente chiamato bhapka. Ad ogni ora del giorno corrisponde un ingrediente, ricorda lo storico: 

Il tipo Jasmine, che trasuda fragranza nella forma più intensa durante la notte, deve essere raccolto prima dell'alba e portato alla distilleria prima delle 4 del mattino, in modo da essere versato nell'alambicco ancora prima dell'alba .... L'essenza di rosa, al contrario, deve essere distillata appena dopo l'alba; i fiori devono essere consegnati alle 7 e il fuoco acceso un'ora più tardi. Dopo diverse settimane di distillazione, gli oli vengono messi da parte per l'invecchiamento, come il buon vino". 

La regolamentazione del commercio di talune materie prime, come il legno di sandalo, contribuisce a compromettere la tradizione dell Attar. Proprio come i vincoli economici influiscono sui costruttori: "Oggi i consumatori di Attar sono piuttosto anziani e lungi dall'essere ricchi, sempre meno i produttori riescono a resistere alla tentazione di sostituire i loro preziosi estratti vegetali con prodotti chimici a basso costo". 

martedì 24 gennaio 2017

PAESE E PERSONE (la comunità che costruiremo) - Documento politico in vista delle prossime Amministrative

L’approssimarsi della scadenza elettorale ha accelerato nel comune di Gravina in Puglia il moltiplicarsi di manifestazioni politiche. Alcune piuttosto estemporanee, al limite del grottesco, altre più serie e responsabili, Tra queste, segnalo, attraverso il comunicato stampa, quella che sembra catalizzerà l’attenzione della città e della sua parte più attenta alla cosa pubblica ed alla gestione del patrimonio comune: 

Gli anni del “cambiamente” giungono tristemente e finalmente al termine. Trovano una comunità stanca e sfiduciata. 

Chi aveva sperato in uno sviluppo o in un lavoro continua ad elemosinare il contributo; chi aveva sperato in una grande stagione di legalità, deve rassegnarsi ai tanti servizi che vengono (o sono stati) continuamente prorogati; 

chi aveva sognato la realizzazione di strutture importanti per lo sport (piscina) o per lo sviluppo (ente Fiera), rimane deluso a fronte di una incapacità e di un lassismo senza precedenti.

Così è per i beni archeologici, così per il finanziamento del museo dell’acqua e della pietra, così per il museo archeologico, così per il bastione medioevale, così per la piscina comunale, così per via Deledda, così per il bosco comunale, ferito dal noto grave incendio e lasciato all’incuria del tempo, nonostante i proclami e le fotografie ricordo davanti ai tizzoni fumanti. Così per le scuole, per le palestre, per le periferie abbandonate al loro destino di “terra di nessuno” e ritrovate solo al momento del voto. 

Abbiamo meditato a lungo sul da farsi, consapevoli che qui e ora si gioca una partita importante per la nostra città.

Lungo il crinale della antica collina abbiamo provato ad immaginare un futuro diverso, in cui le generazioni, gli uomini e le donne, si tengono la mano in un gesto inedito di rinnovata solidarietà, in cui i nostri figli non siano più costretti ad andare via e chi resta possa trovare lavoro e dignità civili. 

Così abbiamo provato a ragionare assieme, donne e uomini liberi, a provare il cimento sulle grandi sfide culturali ed ideali, consapevoli che da esse il nostro paese saprà ritrovare capacità di sviluppo.

Insieme. 
Daremo vita ad un grande progetto politico-amministrativo per la città, per la comunità; senza distinzioni di sorta, animati solo dalla volontà di servire la comunità e servirla bene, nella legalità e nella giustizia sociale. Siamo già in tanti.

E tuttavia non ancora abbastanza, poiché occorre un grande progetto di popolo, in cui ciascuno sia il protagonista principale e nessuno, tuttavia, sia indispensabile. É la sola strada per vincere le furberie, le mediocrità individuali, le razzie delle poche risorse disponibili.

Questo abbiamo immaginato e immaginiamo tuttora. Vorremmo farlo assieme a tanti altri. Così, sarà un’altra storia. 

Per la scelta del nostro candidato sindaco abbiamo indetto le Primarie che si terranno domenica 19 febbraio 2017 (vedi aggiornamento - fondo pagina

Così riprenderemo il filo per tessere l'ordito e la trama della comunità che costruiremo. Assieme.

- I Progressisti - Insieme - Avanti Gravina - Noi per Gravina
- Terra Nostra - Noi Liberi e Forti - Per Gravina
- LiberaMente Gravina - La Gravina che Vogliamo

lunedì 23 gennaio 2017

I bambini robot che insegnano a diventare genitori.

Potranno mai i piccoli robot, che simulano il comportamento dei neonati, aiutare a rallentare il declino del tasso di natalità in Giappone? 

https://theconversation.com/robot-babies-from-japan-raise-all-sorts-of-questions-about-how-parents-bond-with-ai-66815

L'invecchiamento di quella nazione, l'aumento del numero di single, la mancanza di immigrazione, per queste ragioni la popolazione del Giappone è in declino. Per ovviare a questo, è emersa nel paese una tendenza, come modo per incoraggiare le coppie a diventare "genitori": lo sviluppo dei bambini robotici. 

"Le strategie adottate variano notevolmente e sono motivate da diversi punti di vista filosofici che sollevano una serie di questioni, non ultima quella per cui, se questi robot raggiungessero l'obiettivo fissato dal loro creatore non sarebbe, questa, casa di poco conto", dice The conversation

https://www.toyota-europe.com/world-of-toyota/articles-news-events/introducing-kirobo-mini
In questa diversità di approcci, sono soprattutto la forma, le dimensioni e il comportamento di questi robot che variano. L'ultimo, è kirobo Mini sviluppato dagli ingegneri Toyota. Dice The Conversation entrando nel dettaglio: 

"Il robot non assomiglia ad un vero e proprio bambino, ma ne riproduce il comportamento 'vulnerabile', rispondendo con voce acuta quando identifica volti familiari o mostrando qualche disagio nel suo comportamento". 

Nel 2010, un "simulatore di robot bambino" battezzato Yotaro, è stato creato da un gruppo dell' Università di Tsukuba. Il suo volto è in grado di simulare emozioni ed espressioni. "... reagisce anche al tatto, con l'umore e anche simula la malattia con un naso che cola" descrive il sito di informazioni. 

Altrove, negli Stati Uniti e Australia, i robot sono invece stati utilizzati per prevenire le gravidanze in età adolescenziale. Ma gli esperimenti hanno dimostrato un maggior numero di gravidanze tra i gruppi con un bambino falso rispetto al gruppo di riferimento. Nulla, tuttavia, ci dice che lo stesso fenomeno sarà osservato nei futuri ipotetici genitori giapponesi. 

Anche se questi robot non sono la soluzione diretta per l'invecchiamento della popolazione giapponese, "possono solo portare alla una migliore comprensione nella ricerca e una migliore visione d'insieme del problema dei tassi di natalità in declino", dice The Conversation. 

domenica 22 gennaio 2017

21 Gennaio giornata delle coccole. Le ragioni per cui fanno bene

ABBRACCI PER TUTTI - Il 21 gennaio, è andata proprio così? É la Giornata Internazionale degli abbracci. Fondata trent'anni fa, da allora ha girato e forse conquistato il mondo. Un abbraccio ci fa bene al morale e anche alla salute. 
http://nationalhuggingday.com
Cerco di rispondere a tre semplici domande per dimostrare che è proprio necessario avervi preso parte e, se non lo avete fatto, siete sempre in tempo per porre rimedio. 

All'inizio dell'anno non è difficile sentirsi un po' depressi. Diciamolo pure, ci sono forti possibilità di esserlo, è la scienza - che ce lo dice. Natale già lontano, sopportiamo il freddo pungente, l'influenza che indugia, i buoni propositi che tardano a realizzarsi, la politica internazionale e nazionale ci preoccupa ... avete potuto finalmente respirare questo sabato con la sua Giornata Internazionale degli abbracci. Il principio è quello di rinfrancarsi con una buona dose di calore umano. 

No, questa iniziativa non è nata nella terra dei Care Bears, ma negli Stati Uniti. Un reverendo del Michigan, Kevin Zaborney, avrebbe avuto questa brillante idea, solo trent'anni fa. Avendo notato che il periodo da gennaio a San Valentino era stato particolarmente doloroso e che un po' di amore e calore non avrebbe fatto male a nessuno, lanciò l'idea. La prova che c'erano clienti da conquistare fu che l'idea esplose rapidamente e lasciò le frontiere degli Stati Uniti per diventare "internazionale". Da allora, paesi del mondo coccolano il 21 gennaio. 

Gli abbracci sono un bene per il morale ed anche per la salute. La scienza lo dimostra decisamente con tale copiosa messe di studi che vi convincerà. Secondo La Società di Neuroscienze a Washington (Vedi Science Daily), le coccole favoriscono il rilascio di un ormone, l'ossitocina, che crea una sensazione di benessere e riduce i livelli di stress. Queste esplosioni di affetto renderebbero anche più studiosi, spiegano i ricercatori della UC Berkeley, come riporta il New York Times. Gli studenti incoraggiati da una pacca sulle spalle dall'insegnante sarebbero due volte più rapidi e volonterosi. 

Per i ricercatori della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, l'abbracciare ha poteri curativi. Chiaramente, le persone regolarmente più coccolate si ammalano meno di altre. 400 partecipanti sono stati esposti, volontariamente, ad un virus invernale, coloro che hanno ricevuto l'affetto quotidiano hanno meno contratto questo brutto raffreddore del resto del gruppo, meno blandito. Questi preziosi momenti di tenerezza infatti riducono il flusso di sangue, la frequenza cardiaca e ancora una volta, grazie all'ormone magico, la tensione. Un abbraccio, insomma, è un modo per risparmiare un pomeriggio dal medico. 

Preparate il vostro cartoncino "abbracci liberi" e mettetelo in un luogo pubblico. La giornata canonica è passata, ma non è mai troppo tardi. Tuttavia, farei alcune raccomandazioni. Chiedete sempre il permesso al fortunato prima di saltare tra le sue braccia, consiglia il reverendo Zaborney, intervistato dal Christian Post. Il consiglio può sembrare ovvio, ma nessuno è immune da una effusione improvvisa di sentimenti, soprattutto quando preserva dall'influenza. Un altro suggerimento, che non mi stanco di ripetere: non esitate ad estendere le effusioni ad ogni giorno. Zaborney suggerisce di arricchire la prossimità con un profumo che le renda ancor più gradevoli. Tutto è buono per magnificare questa prossimità. 

Quindi, non dimenticate, gli abbracci non sono limitati a sabato, 21 gennaio e vi raccomando di allenarvi tutto l'anno per questo giorno di festa. Se, tuttavia, salterete oggi o domani, niente panico. Troveremo un altro giorno dell'anno per essere felici.

sabato 21 gennaio 2017

Un gioco da ragazzi si trasforma in prezioso strumento d'indagine biomedica.

Un gioco per bambini si trasforma in una centrifuga per rilevare la malaria. 
http://www.nature.com/news/spinning-toy-reinvented-as-low-tech-centrifuge-1.21273
Un biologo della Stanford University, Manu Prakash, che ha trascorso la sua infanzia in India, è stato ispirato da un semplice giocattolo di carta che gira con uno spago, per costruire uno strumento diagnostico buono per le malattie come la malaria

Questo "disco rotante" ridisegnato può sostituire la centrifuga, uno
strumento essenziale per l'analisi di campioni di sangue perchè separa i diversi componenti. Dopo la centrifugazione, i componenti più densi come i globuli rossi vanno in fondo alla provetta contenente il campione di sangue, mentre il plasma finisce sulla superficie e i patogeni in sospensione. 

"Durante la sua visita ai centri di salute (nel 2013 in Uganda), ha scoperto che la maggior parte delle loro centrifughe non erano efficienti, o non funzionanti per la mancanza di elettricità, rendendo impossibile separare i campioni di sangue per eseguire la diagnostica di base delle malattie", spiega la rivista Nature. Osservando un giocattolo, costituito da un disco di cartone ruotante su se stesso a forte velocità, ha avuto l'idea del "paperfuge". 

Ulteriori studi hanno modificato leggermente il disegno della rotazione del disco perchè ruotasse alla velocità necessaria per la completa centrifugazione. I risultati sono stati pubblicati 10 gennaio sulla rivista Nature Biomedical Engineering

venerdì 20 gennaio 2017

Niente certificato elettorale? Allora niente sesso!


http://www.bellebeirut.com/le-saviez-vous/la-greve-du-sexe-dans-lhistoire/Una deputata dell'opposizione keniana ha esortato le sue compagne ad imporre uno sciopero del sesso ai loro compagni se non si registrassero come elettori per le elezioni generali previste nel mese di agosto. 

"Donne, se i vostri mariti non sono registrati nelle liste elettorali, dite loro di no, dite loro di andare a registrarsi e poi tornino per divertirsi". Così ha detto la deputata Mishi Mboko, anche lei sposata. 

"Ditegli solo questo e adottate questa strategia per tutti, cioè quella di andare a registrarsi", ha detto nella città costiera di Mombasa il lunedi in occasione del lancio di una vasta operazione di registrazione di elettori per le elezioni generali. 

La signora Mboko ha anche consigliato alle donne di mantenere l'astinenza fino a quando non venga fornita la prova dell'inclusione vera nelle liste sotto forma di una tessera elettorale valida. 

A Kisumu, una città portuale nei paesi occidentali, le moto taxi driver, le "boda boda", da parte loro hanno deciso di rifiutare di prendere a bordo i passeggeri non titolari di tessere elettorali. 

"Nessun guidatore per coloro che non si sono registrati", ha insistito anche il capo dell'associazione Kisumu Boda-Boda, Joseph Owiti.

La Commissione elettorale keniana, che ha lanciato la campagna di registrazione, ponendosi l'obiettivo dell'inserimento di ulteriori quattro/sei milioni di elettori entro il termine del 14 febbraio, abbastanza per far oscillare il consenso a favore di uno che sia in grado di mobilitare i suoi sostenitori, in un paese dove il voto è tradizionalmente espresse su direttrici etniche. I due campi principali stanno spingendo i loro sostenitori a registrarsi in massa per pesare soprattutto sulle elezioni presidenziali. 

Secondo la signora Mboko, l'affluenza massiccia è il modo migliore per l'opposizione per sconfiggere il governo del presidente attuale Uhuru Kenyatta.

Questa non è la prima volta che il sesso femminile organizza questo tipo di sciopero per chiamare al cambiamento o trasmettere un messaggio, anche se l'efficacia del metodo è difficile piuttosto da misurare. 

Nel 2009 il Kenya le donne aveva lanciato una "settimana di astinenza" per incoraggiare i politici a risolvere le loro differenze e riformare il paese. 

Nel 2002, il Premio Nobel per la Pace (2011), la liberiana Leymah Gbowee, aveva dovuto, tra le altre, iniziare uno sciopero del sesso per chiedere la fine della guerra civile. 

http://www.scioperodelledonne.it/index.php/360-colombia-le-donne-incrociano-le-gambe-e-lanciano-lo-sciopero-del-sessoDurante la crisi politica in Belgio del 2011, le donne avevano anche chiesto scioperi del sesso per sollecitare la formazione di un governo, mentre nel 2006, le colombiane avevano "incrociato le gambe" per fermare la guerra tra bande, poi, nel 2012, per chiedere la costruzione di una strada. 

Potrebbe diventare presidente al posto di Trump. Designated Survivor.

Il "sopravvissuto designato" potrebbe diventare il nuovo capo di Stato, se Trump e tutti i suoi successori costituzionali non fossero più in grado di esercitare il potere. 

http://movieplayer.it/articoli/designated-survivor-la-recensione-del-pilot-abc-con-kiefer-sutherland_16366/Un uomo (o una donna) è stato già scelto nel più grande segreto per essere il "sopravvissuto designato" se Donald Trump ed i suoi successori previsti dalla Costituzione non fossero più in grado di esercitare il potere. 

Questo venerdì, il "superstite designato" sarà condotto e riparato in una base militare, protetto dai servizi segreti. 

Questa procedura (sotto il codice federale degli Stati Uniti e non la Costituzione) ha luogo ogni volta che tutte le persone facenti le veci del presidente, in ordine di successione, sono riuniti in un unico luogo. 

In altre parole, durante il discorso dello Stato dell'Unione e all'insediamento del nuovo presidente.

Nessuno lo sa - a parte il presidente in carica - chi sia la persona designata, nemmeno la sua famiglia. Questo personaggio lo scopre nel corso della giornata. Viene "prelevato" dalla sua casa la mattina presto e portato in elicottero in una località sconosciuta. 

Dettaglio divertente: la nomina del superstite designato al posto di Donald Trump è stata fatta da Barack Obama, tra i membri del suo governo. 

In caso di disgrazia, il paese sarebbe guidato ancora una volta da un presidente democratico fino alle prossime elezioni. 

Si noti che questa procedura ha affascinato i produttori di Hollywood. Una serie televisiva chiamata "Designated Survivor" con Kiefer Sutherland, è iniziata dal 21 settembre, prodotta da ABC. 

giovedì 19 gennaio 2017

Futuro: L'idrogeno come energia verde.

Tredici gruppi, europei e asiatici, desiderano promuovere l'idrogeno come fonte di energia, lo hanno annunciato a Davos

http://www.alstom.com/press-centre/2017/832228/new-hydrogen-council-launches-in-davos/Diversi grandi gruppi industriali europei e asiatici hanno annunciato martedì a Davos che, insieme, faranno progredire e promuoveranno l'idrogeno come fonte di energia, in vista della riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. 

I tredici grandi gruppi, che sono attivi in ​​vari campi, connessi in modo diretto o indirettamente all'energia (gas industriali, automotive, energia e gruppi minerari), hanno tenuto la prima riunione del "Idrogen Council" (consiglio sull'idrogeno) in un albergo di Davos, a margine del World Economic Forum



"I protagonisti più importanti nei settori dell'energia, dei trasporti e dell'industria uniscono le forze per esprimere una visione comune del ruolo chiave che giocherà l'idrogeno nella transizione energetica", ha detto il Presidente, Benoît Potier, patron del gruppo Air Liquide. 

In particolare, i gruppi potranno condividere i propri dati, la ricerca, cercare soluzioni per rendere l'idrogeno redditizio, o lavorare su standard internazionali con l'obiettivo di diffondere questa energia che non emette CO2 quando si consuma. 

Essi potranno anche cercare di convincere i governi a sostenere questa soluzione, un elemento assolutamente essenziale. 

"In questa fase preliminare, senza un forte sostegno pubblico, la trasformazione (verso una energia a basso tenore di carbonio, ndr) è impossibile", ha detto Takeshi Uchiyamada, presidente della casa automobilistica giapponese Toyota. 

I firmatari sottolineano ed evidenziano le applicazioni dell'idrogeno che vanno oltre la sola cella a combustibile per auto. 

Uno dei principali interessi da loro avanzati è quello di utilizzare l'idrogeno per immagazzinare la quota di energia da fonti rinnovabili (solare, eolica) che viene prodotta ma ha poche capacità di "storage" (immagazzinamento). 

"Se prendiamo questa elettricità solare, di cui non sappiamo cosa fare, e l'utilizziamo per elettrolisi dell'acqua, questa restituisce l'idrogeno, che è un gas e può essere messo in reti di gas naturale", rendendo così più attraenti gli investimenti in energia elettrica da fonti rinnovabili, dice il responsabile di Total. 

Secondo lui "si padroneggia già la tecnologia, ma ora la sfida è quella di svilupparne in maniera massiccia l'uso". 

"Se siamo in grado di abbassare i costi di tutta la filiera produttiva, l'idrogeno sarà domani una soluzione per trasportare questa energia dove è necessaria", dice Didier Holleaux, del gruppo Engie. 

Tra le cose su cui lavorare: dobbiamo "avere elettrolizzatori efficienti", "abbiamo ancora problemi di costo, la catena industriale deve essere resa più efficiente", ha detto. 

Il pilota Bertrand Piccard, famoso per aver completato nel mese di luglio un giro del mondo storico, giorno e notte, volando con energia solare sull'aereo Solar Impulse 2, era presente nel salone dell'hotel Davos e sembrava particolarmente entusiasta. 

Così ha detto: "Solo venti anni fa parlavamo di un po' di idrogeno come gli adolescenti che parlano di sesso. Tutti ne parlavano, ma nessuno lo faceva. Oggi siamo in grado di farlo".

I tredici delle aziende, membri del Consiglio, sono Air Liquide, Alstom, Anglo American, BMW, Daimler, Engie, Honda, Hyundai, Kawasaki, Shell, Linde, Total e Toyota. 

mercoledì 18 gennaio 2017

Trump e la sua fisarmonica. Il web che non perdona.

Sapevamo che Trump fosse imprenditore, animatore o lottatore, ma musicista ....
www.youtube.com/embed/Ug6JZmbhGEg
In un video parodiante pubblicato il 13 gennaio su YouTube, un buontempone ha modificato la prima conferenza stampa di Trump, come presidente eletto, mettendo nelle sue mani ... una fisarmonica! 

Negli ultimi mesi, i discorsi del presidente eletto Donald Trump hanno spesso ispirato deviazioni più o meno divertenti. Dopo molte caricature ispirate da Barack Obama, il miliardario ha pagato il fio ad un surfista particolarmente ispirato. 


Il 13 gennaio Parkinson HuwYoutuber, ha pubblicato sul suo canale Youtube una parodia della prima conferenza stampa di Donald Trump come presidente eletto degli Stati Uniti, risalente all'11 gennaio nella Trump Tower, a New York.

In esso, Huw Parkinson si è divertito ad inserire una fisarmonica nelle mani di Donald Trump, facendo suonare lo strumento durante i movimenti ampi e ripetuti delle braccia dell'uomo che ha sconfitto Hillary Clinton nelle presidenziali di novembre degli Stati Uniti, con un risultato più che divertente. In quattro giorni, il video è stato visto quasi 800.000 volte.

martedì 17 gennaio 2017

Nuove incertezze sull'uso della cannabis.

Molte incertezze permangono circa gli effetti ed i rischi connessi all'uso di cannabis e dei suoi derivati. 

https://www.scientificamerican.com/article/the-science-behind-the-dea-s-long-war-on-marijuana/Questa è la conclusione di una vasta perizia pubblicata giovedi, sollecitata dalla American Academy of Sciences

Questo comitato di 17 scienziati ha analizzato più di 10.000 studi ed è una delle recensioni più completi della letteratura medica su questo argomento a partire dal 1999. 
Un centinaio di conclusioni sono state tratte. 
Esse si concentrano sugli effetti terapeutici della cannabis e cannabinoidi, dei suoi derivati e dei rischi che questo farmaco provochi alcuni tipi di cancro, disturbi cardiovascolari, malattie mentali o lesioni.

"Negli ultimi anni, la situazione per quanto riguarda l'uso della marijuana è cambiato rapidamente con un numero crescente di Stati che legalizzano il suo utilizzo per il trattamento di alcune condizioni mediche, ma anche per uso ricreativo", osserva Dr Marie McCormick, professoressa di pediatria presso la scuola medica di Harvard, che presiede il comitato di esperti dell'Accademia delle scienze. 

"La mancanza di una sintesi di tutte le conoscenze scientifiche sugli effetti per la salute ha creato incertezza circa i suoi benefici e rischi. L'analisi ha lo scopo di far luce su queste domande e per identificare le aree che necessitano di ulteriori ricerche", dice la McCormick

La cannabis è ora droga legale e illegale, a seconda dello Stato. Un recente sondaggio indica che 22,2 milioni di americani di età intorno ai 12 anni e oltre hanno consumato la droga negli ultimi 30 giorni. 

Lo studio mostra anche che il 90% degli adulti che consumano cannabis negli Stati Uniti lo fanno per uso ricreativo, mentre solo il 10% per ragioni mediche. 

La relazione conclude che l'uso terapeutico della cannabis è efficace nel ridurre il dolore cronico negli adulti con sclerosi multipla, che provoca spasmi muscolari. Parliamo dei cannabinoidi assunti per via orale per brevi periodi. Queste stesse sostanze sono efficaci anche contro nausea e vomito indotti da chemioterapia per il cancro. 

Gli esperti non hanno trovato in realtà, in questi studi, un legame tra fumo di cannabis e aumento del rischio di cancro. 

Il rapporto dice anche che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare come il consumo potrebbe portare a problemi cardiovascolari o al diabete. L'evidenza suggerisce, infatti, che fumare marijuana può causare crisi caediache. 

Gli esperti sottolineano inoltre che alcuni studi suggeriscono che la cannabis probabilmente aumenta il rischio di far sviluppare la schizofrenia e altre psicosi così come disturbi d'ansia e, in misura minore, la depressione. 

Tuttavia, nelle persone che sono schizofreniche o affette da altre malattie mentali, la cannabis apparentemente può migliorare le loro capacità di apprendimento e di memoria. La relazione rileva inoltre che il forte consumo di cannabis comporta un alto rischio di sviluppare pensieri suicidi. 

Ma non ci sono evidenze che il fatto di fumare marijuana contribuisca all'uso di altri farmaci o a creare una dipendenza da alcol e altre droghe illegali. Anche se le capacità intellettive (memoria e concentrazione) vengono ridotte momentaneamente appena dopo l'assunzione cannabis, la droga non influisce sulle prestazioni o le relazioni sociali. 

Tuttavia, con la legalizzazione in una parte degli Stati Uniti, le autorità hanno trovato un forte aumento degli infortuni nei bambini, il più comune di questi è l'ingestione del farmaco.