mercoledì 25 gennaio 2017

Alla ricerca del profumo del sultano. Attar, fragranza e sensualità.

Sul percorso del tempio del profumo indiano sensuale. Lo storico e scrittore William Dalrymple è andato in Uttar Pradesh per incontrare gli ultimi custodi di una tradizione antica: i produttori di Attar, profumo dei sultani. 
https://www.1843magazine.com/features/scents-and-sensuality
"L'arte per la quale l'India fu un tempo invidiata e famosa", scrive William Dalrymple, in un lungo rapporto su 1843 Magazine, il supplemento bimestrale di The Economist. L'Attar si riferisce, in India, ai sapori tradizionali ottenuti da oli vegetali.

Le loro origini risalgono ai Veda (I° millennio aC"). Ma sono stati i sultani Indo-musulmani che hanno formato il cursus honorum di questi profumi ai quali erano particolarmente affezionati nel loro passato splendore. 

Dalrymple, storico e scrittore scozzese, autorevole ed eminente esperto dell'India, ha intrapreso un viaggio per Kànnaugi, una città nello stato di Uttar Pradesh, nel nord dell'India. Famoso per la sua preziosa sapienza nel campo dell'Attar. "In passato, noto come uno dei luoghi più belli del subcontinente, più volte saccheggiato ... Oggi, al di là del Museo Archeologico che espone frammenti di sculture del VII° secolo, rimane la raffinatezza del passato della città con un centinaio di distillatori di Attar", sottolinea Dalrymple. 

L'autore è andato presso uno di questi artigiani dall'esperienza millenaria. "Ho sentito la distilleria di Abdul Gafoor prima ancora di vederla", dice. "Dopo uno stretto sentiero, fui sopraffatto dai profumi commisto al fumo di legna e ventate di fiori, legno di sandalo e spezie". 

Come spiega Dalrymple, la formula per ogni specie è un segreto ben custodito all'interno delle famiglie. Le materie prime vengono riscaldate in caldaie di rame e il distillato raccolto in un recipiente chiamato bhapka. Ad ogni ora del giorno corrisponde un ingrediente, ricorda lo storico: 

Il tipo Jasmine, che trasuda fragranza nella forma più intensa durante la notte, deve essere raccolto prima dell'alba e portato alla distilleria prima delle 4 del mattino, in modo da essere versato nell'alambicco ancora prima dell'alba .... L'essenza di rosa, al contrario, deve essere distillata appena dopo l'alba; i fiori devono essere consegnati alle 7 e il fuoco acceso un'ora più tardi. Dopo diverse settimane di distillazione, gli oli vengono messi da parte per l'invecchiamento, come il buon vino". 

La regolamentazione del commercio di talune materie prime, come il legno di sandalo, contribuisce a compromettere la tradizione dell Attar. Proprio come i vincoli economici influiscono sui costruttori: "Oggi i consumatori di Attar sono piuttosto anziani e lungi dall'essere ricchi, sempre meno i produttori riescono a resistere alla tentazione di sostituire i loro preziosi estratti vegetali con prodotti chimici a basso costo". 

Nessun commento: