giovedì 26 gennaio 2017

Cannabis e schizofrenia. Trovate correlazioni dagli scienziati.

Uno studio internazionale dimostra che l'uso di cannabis aumenta il rischio di malattie mentali. 

https://www.sciencedaily.com/releases/2016/12/161219084641.htm
I dati epidemiologici raccolti in oltre quarant'anni già lasciavano fortemente supporre l'esistenza di un'associazione tra cannabis e schizofrenia, anche, a seconda della dose. Ma nessuno studio aveva finora consentito di determinare con precisione se la pianta sia direttamente responsabile della comparsa della malattia.

Questo viene ora confermato da questa ricerca internazionale. Lo studio è basato su una tecnica analitica chiamata randomizzazione mendeliana (metodo che fornisce nuove opportunità per testare la causalità ed esplorare i meccanismi biologici e mostra come nel progetto sul genoma umano possa contribuire a capire e a prevenire ...) che permette di studiare il rapporto tra un fattore di rischio - in questo caso la cannabis - e l'insorgenza della malattia - schizofrenia - utilizzando marcatori genetici fortemente legati al fattore di rischio. 

Il vantaggio di usare questi è il fatto che essi sono innati e distribuiti casualmente nella popolazione dal concepimento. Essi non sono influenzati da fattori ambientali, come il background familiare o il livello socio-economico, ha spiegato Julien Vaucher, primo autore dello studio. 

I ricercatori si basano su dati provenienti da una pubblicazione del 2016 che ha evidenziato dieci marcatori genetici legati al consumo di cannabis all'interno di una popolazione di 32.000 individui. Gli stessi marcatori sono stati poi cercati in un database separato che analizzava il rischio di schizofrenia tra 34.000 pazienti e 45.000 persone indenni dalla malattia. 

Combinando le informazioni provenienti da entrambe le fonti si è determinato che l'uso di cannabis è associato ad un rischio di schizofrenia incrementato del 37%, paragonabile a quelli discussi in studi di osservazione fatti in passato. Inoltre, il collegamento non viene modificato da altri fattori, tra cui l'uso del tabacco, che potrebbero influenzarne i risultati. 

Questi risultati "robusti" si aggiungono a quelli di numerose pubblicazioni nel campo che indicano che il legame tra uso di cannabis e aumento del rischio di schizofrenia è causale, dicono gli studiosi.

L'esperto fa anche notare che sono importanti in termini di salute pubblica nell'informare sui rischi del consumo di cannabis, in particolare per quanto riguarda la salute mentale. 

Mentre questa sostanza sta vivendo un'ondata di liberalizzazione e viene sempre più utilizzata per scopi terapeutici, è ora di capire meglio i meccanismi in gioco. Nuovi studi potrebbero consentire, ad esempio, di proporre i messaggi di prevenzione per i gruppi a rischio di schizofrenia o di disturbi correlati. 

Dato il metodo utilizzato, i ricercatori dicono che lo studio non ha permesso l'indagine di rischio in funzione della quantità consumata, del tipo di cannabis, del tipo di somministrazione o dell'età degli utenti. "Abbiamo messo l'avviso sulla strada di casa, ma sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questi punti". 

La cannabis è la droga illegale più utilizzata, con una stima di 182 milioni di consumatori nel 2013. Altri studi avevano già mostrato i percorsi di neurotrasmissione deteriorati coinvolti nella genesi dei disturbi psicotici e la maturazione della corteccia cerebrale negli adolescenti.

Gruppi di ricerca del Nord britannico e americano hanno contribuito al lavoro pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry
___________
Vedi anche: 

Nessun commento: