venerdì 20 gennaio 2017

Niente certificato elettorale? Allora niente sesso!


http://www.bellebeirut.com/le-saviez-vous/la-greve-du-sexe-dans-lhistoire/Una deputata dell'opposizione keniana ha esortato le sue compagne ad imporre uno sciopero del sesso ai loro compagni se non si registrassero come elettori per le elezioni generali previste nel mese di agosto. 

"Donne, se i vostri mariti non sono registrati nelle liste elettorali, dite loro di no, dite loro di andare a registrarsi e poi tornino per divertirsi". Così ha detto la deputata Mishi Mboko, anche lei sposata. 

"Ditegli solo questo e adottate questa strategia per tutti, cioè quella di andare a registrarsi", ha detto nella città costiera di Mombasa il lunedi in occasione del lancio di una vasta operazione di registrazione di elettori per le elezioni generali. 

La signora Mboko ha anche consigliato alle donne di mantenere l'astinenza fino a quando non venga fornita la prova dell'inclusione vera nelle liste sotto forma di una tessera elettorale valida. 

A Kisumu, una città portuale nei paesi occidentali, le moto taxi driver, le "boda boda", da parte loro hanno deciso di rifiutare di prendere a bordo i passeggeri non titolari di tessere elettorali. 

"Nessun guidatore per coloro che non si sono registrati", ha insistito anche il capo dell'associazione Kisumu Boda-Boda, Joseph Owiti.

La Commissione elettorale keniana, che ha lanciato la campagna di registrazione, ponendosi l'obiettivo dell'inserimento di ulteriori quattro/sei milioni di elettori entro il termine del 14 febbraio, abbastanza per far oscillare il consenso a favore di uno che sia in grado di mobilitare i suoi sostenitori, in un paese dove il voto è tradizionalmente espresse su direttrici etniche. I due campi principali stanno spingendo i loro sostenitori a registrarsi in massa per pesare soprattutto sulle elezioni presidenziali. 

Secondo la signora Mboko, l'affluenza massiccia è il modo migliore per l'opposizione per sconfiggere il governo del presidente attuale Uhuru Kenyatta.

Questa non è la prima volta che il sesso femminile organizza questo tipo di sciopero per chiamare al cambiamento o trasmettere un messaggio, anche se l'efficacia del metodo è difficile piuttosto da misurare. 

Nel 2009 il Kenya le donne aveva lanciato una "settimana di astinenza" per incoraggiare i politici a risolvere le loro differenze e riformare il paese. 

Nel 2002, il Premio Nobel per la Pace (2011), la liberiana Leymah Gbowee, aveva dovuto, tra le altre, iniziare uno sciopero del sesso per chiedere la fine della guerra civile. 

http://www.scioperodelledonne.it/index.php/360-colombia-le-donne-incrociano-le-gambe-e-lanciano-lo-sciopero-del-sessoDurante la crisi politica in Belgio del 2011, le donne avevano anche chiesto scioperi del sesso per sollecitare la formazione di un governo, mentre nel 2006, le colombiane avevano "incrociato le gambe" per fermare la guerra tra bande, poi, nel 2012, per chiedere la costruzione di una strada. 

Nessun commento: