giovedì 19 gennaio 2017

Futuro: L'idrogeno come energia verde.

Tredici gruppi, europei e asiatici, desiderano promuovere l'idrogeno come fonte di energia, lo hanno annunciato a Davos

http://www.alstom.com/press-centre/2017/832228/new-hydrogen-council-launches-in-davos/Diversi grandi gruppi industriali europei e asiatici hanno annunciato martedì a Davos che, insieme, faranno progredire e promuoveranno l'idrogeno come fonte di energia, in vista della riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. 

I tredici grandi gruppi, che sono attivi in ​​vari campi, connessi in modo diretto o indirettamente all'energia (gas industriali, automotive, energia e gruppi minerari), hanno tenuto la prima riunione del "Idrogen Council" (consiglio sull'idrogeno) in un albergo di Davos, a margine del World Economic Forum



"I protagonisti più importanti nei settori dell'energia, dei trasporti e dell'industria uniscono le forze per esprimere una visione comune del ruolo chiave che giocherà l'idrogeno nella transizione energetica", ha detto il Presidente, Benoît Potier, patron del gruppo Air Liquide. 

In particolare, i gruppi potranno condividere i propri dati, la ricerca, cercare soluzioni per rendere l'idrogeno redditizio, o lavorare su standard internazionali con l'obiettivo di diffondere questa energia che non emette CO2 quando si consuma. 

Essi potranno anche cercare di convincere i governi a sostenere questa soluzione, un elemento assolutamente essenziale. 

"In questa fase preliminare, senza un forte sostegno pubblico, la trasformazione (verso una energia a basso tenore di carbonio, ndr) è impossibile", ha detto Takeshi Uchiyamada, presidente della casa automobilistica giapponese Toyota. 

I firmatari sottolineano ed evidenziano le applicazioni dell'idrogeno che vanno oltre la sola cella a combustibile per auto. 

Uno dei principali interessi da loro avanzati è quello di utilizzare l'idrogeno per immagazzinare la quota di energia da fonti rinnovabili (solare, eolica) che viene prodotta ma ha poche capacità di "storage" (immagazzinamento). 

"Se prendiamo questa elettricità solare, di cui non sappiamo cosa fare, e l'utilizziamo per elettrolisi dell'acqua, questa restituisce l'idrogeno, che è un gas e può essere messo in reti di gas naturale", rendendo così più attraenti gli investimenti in energia elettrica da fonti rinnovabili, dice il responsabile di Total. 

Secondo lui "si padroneggia già la tecnologia, ma ora la sfida è quella di svilupparne in maniera massiccia l'uso". 

"Se siamo in grado di abbassare i costi di tutta la filiera produttiva, l'idrogeno sarà domani una soluzione per trasportare questa energia dove è necessaria", dice Didier Holleaux, del gruppo Engie. 

Tra le cose su cui lavorare: dobbiamo "avere elettrolizzatori efficienti", "abbiamo ancora problemi di costo, la catena industriale deve essere resa più efficiente", ha detto. 

Il pilota Bertrand Piccard, famoso per aver completato nel mese di luglio un giro del mondo storico, giorno e notte, volando con energia solare sull'aereo Solar Impulse 2, era presente nel salone dell'hotel Davos e sembrava particolarmente entusiasta. 

Così ha detto: "Solo venti anni fa parlavamo di un po' di idrogeno come gli adolescenti che parlano di sesso. Tutti ne parlavano, ma nessuno lo faceva. Oggi siamo in grado di farlo".

I tredici delle aziende, membri del Consiglio, sono Air Liquide, Alstom, Anglo American, BMW, Daimler, Engie, Honda, Hyundai, Kawasaki, Shell, Linde, Total e Toyota. 

Nessun commento: