martedì 15 marzo 2016

TRAFFICO DI ESSERI UMANI - Schiave, Daesh, guerra, orrori.

La promessa di un posto di lavoro si è trasformata in schiavitù del sesso in Siria. Picchiata e con un solo pasto al giorno, per 13 mesi come domestica in una casa siriana. 
"Ero sotto choc, non riuscivo a smettere di piangere", ha detto una madre di due figli, single
http://www.dailymail.co.uk/wires/afp/article-3489894/Trafficked-Nepali-Bangladeshi-women-trapped-Syria.htmlNepalese migrant worker Sunita Magar (C), who was trafficked to Syria, is being hugged by her children, son Bipin Magar (R) and daughter Elina Magar, at thei...Magar è una delle tante povere donne provenienti da Nepal e Bangladesh partite, con la promessa di lavoro subordinato, in Siria, intrappolate dai trafficanti, in un paese in guerra. 

Il capo della missione diplomatica del Nepal per il Medio Oriente, con sede al Cairo, ha dichiarato che gli immigrati dalle Filippine e Indonesia - gli altri principali paesi di emigrazione per lavoro - hanno smesso di funzionare in Siria a causa del pericolo: da due o tre anni, "i trafficanti hanno presso di mira i nepalesi...", 

"Stimiamo vi siano circa 500 nepalesi in Siria, il loro numero è aumentato considerevolmente negli ultimi anni", ha detto Kaushal Kishor Ray

In Bangladesh, nel suo letto d'ospedale a Dhaka, Begum Shahinoor cercando di riprendersi dopo sette mesi di incubo come schiava del sesso in Siria. 
"Sono stata venduta a un siriano che mi ha torturata e violentata ogni giorno, a volte anche con gli amici", dice la madre single di due figli. "Ho implorato pietà, ma non ne avevano nessuna. Mi hanno picchiata fino a eompermi le braccia". 

Accompagnata dai reclutatori, la madre di 28 anni aveva lasciato il Bangladesh con altre donne, con la promessa di diventare sede di Jordan. 

Ma queste si sono trovate in Siria, dove i combattimenti tra il regime ei ribelli ha fatto più di 260.000 morti. 

Begum dopo aver contratto in quell'inferno una malattia del ginocchio, aveva chiesto i suoi carnefici di contattare la sua anziana madre per trattare un riscatto in denaro, in cambio del rimpatrio. 

Il suo caso e gli altri due sono sotto inchiesta in Bangladesh, dice il tenente colonnello Golam Sarwar, le forze d'élite del Rapid Action Battalion (RAB). Le famiglie di 43 altre donne hanno presentato denunce per le stesse ragioni. 

"Il Bangladesh sembra essere un facile bersaglio per i trafficanti", dice il colonnello. 

Le donne del Nepal e Bangladesh sono prede facili dei trafficanti e cadono preda nelle loro reti perché i loro governi hanno poca influenza nella regione e non hanno un'ambasciata in Siria. 

Il divieto imposto dal Nepal su qualsiasi tipo di lavoro in Siria non ha avuto alcun effetto su queste organizzazioni, dice un rappresentante della Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO)

"Il governo nepalese pensa che il divieto sia la soluzione più semplice, gli permette di sbarazzarsi del problema", ha detto Bharati Pokharel, coordinatore ILO del progetto a Kathmandu. "L'India ha molta più influenza di Nepal e Bangladesh ed i trafficanti ne sono consapevoli. Sanno che il Nepal è debole e possono pertanto osare senza che vi sia il pericolo di essere perseguiti". 

Analfabeta, ansiosa di uscire a tutti i costi dalla povertà, Magar non ha esitato a seguire l'ufficiale che si avvicinava con la promessa di lavoro ben pagato in Kuwait. Fino a Damasco, la giovane donna di 23 anni, non aveva sospettato nulla. 

Poi, "ero costantemente esausta, affamata e spaventata", ha detto, raccontando Le sue giornate di 20 ore senza stipendio e le sue poche ore trascorse per dormire sul balcone del suo datore di lavoro. 

Di notte, per mascherare il rumore degli spari ed evitare di inseguire i suoi pensieri suicidi, Magar ascoltava musica del Nepal dal suo cellulare, a sua disposizione, a differenza del suo passaporto, che le era stato confiscato. 

Dopo il terremoto mortale di aprile in Nepal, la giovane donna pregò i suoi datori di lavoro di poter tornare a casa. Avvertita dalla sua famiglia, la stampa nepalese ha fatto eco a questa storia e una campagna sui social network è stato organizzata per salvare Magar. La diaspora nepalese fu mobilitata per pagare i 3800 dollari necessari per il rilascio da parte dei dei suoi datori lavoro. 

Nel mese di agosto, Magar si senti fortunata per essere stata in grado di fuggire. 

Il Nepal riconosce di essere impotente in Siria. L'ambasciata al Cairo, che copre nove paesi, tra cui la Siria, è sopraffatto da richieste, ha sottolineato il capo del Ministero degli Affari Esteri del Nepal. "In particolare abbiamo bisogno di azioni preventive per evitare che queste donne vadano in Siria", dice il diplomatico Ray. 

Gli esperti ritengono che i legami tra reclutatori nepalesi coinvolti nel traffico ed i funzionari permettano che la tratta di queste donne e il loro sfruttamento prosperino. 

"Anche nel caso raro di azioni penali, non si sono mai registrate condanne", ha dichiarato Krishna Gurung, coordinatore della ONG Pourakhi a Kathmandu, che organizza gli alloggi di emergenza per le donne migranti.

Nel villaggio di Murali Bhanjyang, nel Nepal centrale, Magar ha poche speranze che i trafficanti vengano presi nelle maglie della giustizia. "Io continuo ad avere incubi e piango continuamente nel sonno". 

Nessun commento: