venerdì 10 aprile 2015

Post mortem. Cio che accade nel cervello.

La scienza sulle esperienze in prossimità della morte. 

http://www.theatlantic.com/features/archive/2015/03/the-science-of-near-death-experiences/386231/Interrogati, i sopravvissuti alle cosiddette "esperienze di premorte" spesso descrivono le stesse impressioni: sensazione di fluttuare fuori dal corpo, allucinazioni, sensazione di pienezza, la visione di un lungo tunnel, con collegamenti allo spirito di parenti, ecc. Ma cosa dice la scienza di queste speculazioni? Molti ricercatori stanno prendendo la questione molto sul serio, dice Gideon Lichfield in The Atlantic

Il seguente breve video (in inglese) riassume lo stato dell'arte delle conoscenze sull'argomento. Si sa che l'intersezione temporo-parietale nel nostro cervello è probabilmente il luogo d'origine delle esperienze "extracorporee" il fenomeno della "ipercapnia" (aumento della pressione di CO2 nel sangue) modifica la nostra visione, come anche in situazioni di grande stress, produciamo endorfine che possono causare una sensazione di pace interiore. Ma, suggerisce The Atlantic, che rimane ai ricercatori il compito di risolvere molti enigmi per capire cosa succede nel cervello di coloro che stanno per morire. 

Nessun commento: