mercoledì 31 gennaio 2018

Una applicazione per jogging svela segrete informazioni sulle basi militari.

Una mappa messa online dall'applicazione del sito web di Strava mostra i movimenti di molti soldati, americani compresi. Rivelando così la posizione di alcune basi militari e le attività delle truppe. 
https://www.washingtonpost.com/world/a-map-showing-the-users-of-fitness-devices-lets-the-world-see-where-us-soldiers-are-and-what-they-are-doing/2018/01/28/86915662-0441-11e8-aa61-f3391373867e_story.html?hpid=hp_hp-top-table-main_strava-415pm-1-duplicate%3Ahomepage%2Fstory&utm_term=.d2159b612766
'I soldati americani svelano informazioni sensibili e pericolose mentre fanno jogging', titola The Washington Post. Secondo il quotidiano, una mappa interattiva pubblicata su Internet da Strava, un'applicazione con un sito Web che consente a corridori e ciclisti di registrare e analizzare le loro prestazioni, rivela la posizione e le attività dei soldati nelle Basi militari statunitensi - e di altri paesi. 

Per il giornale, è visibilmente una 'grave violazione della sicurezza'. 

La mappa (Global Heat Map) messa online da Strava utilizza le informazioni satellitari per rappresentare le attività dei suoi utenti per un periodo di due anni, tra il 2015 e il settembre 2017. 

Orbene in alcune zone di guerra o paesi del deserto come l'Iraq o la Siria, questa mappa è quasi del tutto vuota, ma fanno eccezione alcune isole di attività che molto probabilmente riflettono i movimenti di soldati statunitensi e di altro personale che usano monitorare l'attività fisica. 

La scheda è stata messa online lo scorso novembre, ma è stato solo Sabato 27 gennaio che uno studente australiano, Nathan Ruser, ha osservato su Twitter, scopriva che avevano rivelato informazioni sui militare degli Stati Uniti. 

'In posti come l'Afghanistan, Gibuti e la Siria, gli utenti di Strava sembrano essere quasi esclusivamente militari stranieri', afferma The Guardian

Se la posizione della maggior parte dei siti è nota, questo non è il caso di tutte le basi, come osserva su Twitter un reporter del New Yorker nel caso del Niger. Inoltre, la mappa offre 'una grande quantità di informazioni per chiunque voglia attaccare soldati statunitensi o tendere loro un agguato vicino a una base', scrive The Washington Post, citando un analista tedesco. 'Molte persone indossano il loro monitor di attività tutto il giorno per misurare il numero totale dei loro passi e i soldati non fanno eccezione', aggiunge il quotidiano statunitense. 

L'esercito americano, che ha promosso l'uso dei monitor di attività fisica Fitbit per diversi anni, ha detto oggi che sta rivedendo le sue linee guida sull'uso della tecnologia e dei dispositivi connessi. 

Le basi statunitensi non sono le uniche visibili sulla mappa, osserva The Washington Post: vi appaiono anche basi russe. 

Nessun commento: