domenica 7 maggio 2017

La salute non è un diritto. É un privilegio, un sogno controverso quanto il nostro tempo.

Trump, l'ineffabile Donald, ritorna sul rapporto particolare che intercorre tra gli americani e l'assicurazione per le malattie. 
https://newsinfo.inquirer.net/894759/in-the-us-health-care-a-privilege-not-a-right
Nel gennaio 1944, il presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt chiese al Congresso la creazione di nuovi diritti economici e sociali. Numero sei: "il diritto alle cure mediche necessarie e la possibilità di essere e rimanere in buona salute". Settantatre anni più tardi, dopo numerose riforme, il sogno di Roosevelt rimane controverso come in quel momento. 

Durante l'era Obama, più di 20 milioni di americani hanno guadagnato questa assicurazione. Le persone che prima erano costrette a vendere la loro casa per poter pagare il loro trattamento contro il cancro o razionare le loro visite dal medico per risparmiare 150 dollari, avevano raggiunto una relativa serenità. 

Ma nel paese del liberalismo e dell'individualismo, la salute non ha mai ottenuto lo status di diritto fondamentale, come l'istruzione: Le cure rappresentano un servizio come qualsiasi altro, dicono i repubblicani, che stanno cercando oggi sotto la guida di Donald Trump, di abrogare intere parti dell'Obamacare, legge simbolo ma costosa siglata nel 2010. 

Dopo la guerra, l'idea di un'assicurazione sanitaria nazionale sostenuta dal successore di Roosevelt, Harry Truman, si scontrava contro la nuova realtà geopolitica. "Medicina socialista", gridavano le squadre contrarie. All'inizio della guerra fredda, tutti erano terrorizzati da Stalin, dal comunismo. La parola socialismo era sporca, dicono alcuni storici. Così come affermano che negli Stati Uniti, l'assistenza sanitaria è un privilegio, non un diritto

Sono le aziende che offrono la copertura sanitaria ai dipendenti. Milioni di nuovi lavoratori sono coperti da tali accordi, negoziati direttamente tra datori di lavoro e i sindacati principali. 

"In Europa, la Francia, la Germania o il Regno Unito, il sistema è come progettato da un architetto", dice Melissa Thomasson, economista della salute presso l'Università di Miami, Ohio. "Al contrario, il nostro sistema si è costruito poco a poco", dice, sotto l'influenza delle compagnie di assicurazione, dell'industria farmaceutica, di datori di lavoro e medici, tutti determinati a limitare il ruolo dello stato. 

Ma il mercato non copre tutti. Inoltre, nel 1965, il presidente democratico Lyndon Johnson raggiunse un compromesso al Congresso per la creazione di Medicare, l'assicurazione sanitaria pubblica per gli over 65 anni, e Medicaid per i poveri, al suo inizio soprattutto rivolte a donne con bambini. 

La logica della solidarietà ha i suoi limiti: la salute resta un privilegio da guadagnarsi con l'indigenza, l'età o i contributi. I poveri, single, sono quindi esclusi da Medicaid perché sono considerati in grado di lavorare. 

"Molti americani credono nella responsabilità individuale", dice Thomas William O'Rourke, professore emerito presso l'Università dell'Illinois (art. gia cit.). Gli ex soldati e nativi americani sono due categorie, per esempio, che si sono particolarmente guadagnato il ​​diritto di assicurazione sanitaria fornita dallo Stato. 

Ideologicamente, il dibattito si è arenato nei decenni tra i fautori, di sinistra, della copertura universale e la destra, che si oppone per motivi di bilancio e di principio. 

Nel 1993, il presidente Bill Clinton con la moglie Hillary, tentarono di far quadrare il cerchio: per fare in modo che il gabuglio tra sistema di regolamenti governativi e gli attori privati ​​coprisse tutti. La riforma non riuscì, mentre quella di Barack Obama nel 2010, ce la fece per un pelo. Con tutti i repubblicani contro. 

L'Obamacare crea degli incentivi fiscali, l'obbligo individuale di assicurarsi e l'assistenza finanziaria a milioni di persone. Ma non mette in discussione la fondamentale costituzione privata del sistema. 

"Esercitare una scelta è parte del DNA degli Stati Uniti", dice Howard Bauchner, redattore della grande rivista medica JAMA. Ma "l'ironia del sistema della libera impresa, è che non funziona altrettanto bene nel campo della salute". 

In pratica, aumenta la concentrazione nel settore mentre la concorrenza si riduce. Gli incentivi non bastano: più di 25 milioni di persone vivono ora senza assicurazione. Allo stesso tempo, la spesa sanitaria continua a crescere ad un ritmo vertiginoso, in quanto le autorità non esercitano alcun controllo sui prezzi. 

Per colmare queste lacune, personalità di sinistra, come Bernie Sanders, avevano anteposto l'idea di un sistema nazionale pubblico, unico, all'europea. Una Utopia che Hillary Clinton, pragmatica, aveva lasciato cadere. 

Nessun commento: