mercoledì 12 aprile 2017

Il cervello dei "super senior" resta giovane. Il declino non è inevitabile.

I ricercatori hanno pubblicato una ricerca che mostra che il cervello di alcuni ottuagenari invecchia più lentamente di altri anziani. 
https://news.northwestern.edu/stories/2017/april/alzheimers-research-superagers-brain-shrinkage/
I cervelli di alcuni "anziani super" invecchiano più lentamente, perdendo meno volume rispetto alla maggior parte delle persone anziane conservando le loro capacità cognitive, i ricercatori sperano di comprendere meglio la degenerazione mentale associata con l'invecchiamento. 

Questi scienziati, il ​​cui lavoro è stato pubblicato il 4 aprile dal Journal of American Medical Association (JAMA), hanno rilevato che questi "anziani super" di 80 anni, hanno una corteccia cerebrale significativamente più spessa rispetto alla media. Questa materia grigia che copre i due emisferi cerebrali è sede del pensiero, della memoria, della visione e di altre informazioni sensoriali. 

Nei diciotto mesi di studio, i "super seniores" hanno subito una perdita di volume della loro corteccia cerebrale due volte meno veloce di altri soggetti e ha mostrato, che gli ultraottantenni mostrano capacità simili a quelli di un'età dai 50 a 65 anni.

"L'invecchiamento è spesso associato al declino cognitivo o, in alcuni casi, alla demenza", osserva Amanda Cook, ricercatrice della clinica di neuropsicologia presso la Northwestern University di Chicago, una degli autori dello studio. "Il gruppo di super-seniores suggerisce che il declino cognitivo con l'avanzare dell'età non è inevitabile".


I ricercatori hanno sottoposto 24 "super-seniores" e dodici persone della stessa età, con un analogo livello di formazione, ad una risonanza magnetica del cervello per misurare lo spessore della loro corteccia e determinarne i cambiamenti nella loro salute del cervello nel corso di una periodo di diciotto mesi. Dopo un anno, la riduzione dello spessore della corteccia è stata di 1,06% tra i "super-senior" contro il 2,24% del gruppo di controllo.

"Abbiamo scoperto che i super-anziani erano più resistenti al normale tasso di declino del cervello che vediamo nella media degli anziani", dice Emily Rogalski, assistente professoressa di neuroscienze cognitive presso la Facoltà di Medicina presso la Northwestern University e autrice principale del lavoro:  
"Queste persone riescono a rimanere in buona salute con l'età, con una buona qualità di vita e godere appieno gli ultimi anni della loro vita". 

I ricercatori sperano di scoprire i fattori biologici alla base di questo rallentamento dei processi di maturazione di fattori come l'atrofia corticale inferiore. Questo potrebbe aiutare a preservare la capacità di memoria anche in età avanzata. 

Per il Dr. Ezriel Kornel, neurologo alla Cornell Medical School di New York, il vantaggio di cui gode questo parte di popolazione può essere spiegato solo in parte dalla genetica. L'ambiente, in particolare nella prima infanzia, svolge anche un ruolo e può contribuire a una migliore salute del cervello con l'avanzare dell'età. 

Il professore Kornel cita la ricerca che mostra che i bambini allevati in condizioni di povertà tendono ad avere un cervello più piccolo. "Ci sono innumerevoli fattori che entrano in gioco", ha detto, indicando che le situazioni di stress durante l'infanzia possono influenzare lo sviluppo del cervello. 

Anche se non esiste ancora un metodo collaudato per preservare il volume della corteccia, diversi studi suggeriscono alcuni cambiamenti nello stile di vita che possono aiutare gli anziani a rimanere mentalmente più attivi. Una regolare attività fisica, una dieta sana e gli esercizi mentali come i puzzle, cruciverba o i giochi, così come una vita sociale attiva. 

Nessun commento: