sabato 7 gennaio 2017

Le "DONNE DI CONFORTO". Tokyo richiama l'ambasciatore.

Questa vertenza, che risale agli anni 1910-1945 pesa sulle relazioni tra i due paesi. 
http://www.japantimes.co.jp/news/2016/12/30/national/comfort-woman-statue-installed-near-japanese-consulate-busan/#.WG-xIC997ag
Il Giappone venerdì ha annunciato il richiamo temporaneo del suo ambasciatore in Corea del Sud. Protesta contro l'installazione, a dicembre, davanti al suo consolato a Busan, di una statua in memoria delle schiave sessuali dell'esercito imperiale giapponese, note come "donne di conforto". 

La questione delle "donne di conforto" ha avvelenato i rapporti fra Seoul e Tokyo per decenni. Molti sudcoreani lo vedono come il simbolo di abusi e violenze commesse dal Giappone durante il suo dominio coloniale nel periodo 1910-1945. 

La maggior parte degli storici stimano che fino a 200.000 donne, per lo più coreane, ma anche cinesi, indonesiane e cittadine di altri paesi asiatici, sono state costrette in bordelli dell'esercito imperiale. 



"Il Giappone e la Corea del Sud hanno confermato che l'accordo raggiunto nel 2015 aveva risolto il problema delle donne di conforto definitivamente e irreversibilmente. Nonostante questo, la statua è stata installata (a Busan), generando conseguenze deplorevoli per le relazioni tra i due paesi", ha detto il portavoce del governo giapponese, Yoshihide Suga, durante una conferenza stampa. 

Oltre al richiamo dell'ambasciatore Yasumasa Nagamine, il signor Suga ha anche annunciato che Tokyo aveva richiamato temporaneamente il suo Console Generale a Busan, rimandando discussioni economiche di alto livello e sospendendo i colloqui su un nuovo accordo di currency swap tra i due paesi. 

"Il governo giapponese continuerà a chiedere con fermezza al governo della Corea del Sud di rimuovere prontamente la statua della ragazza", ha aggiunto il portavoce. 

I due paesi hanno raggiunto un accordo "finale e irreversibile" in base al quale il Giappone ha offerto le sue "sincere scuse" e versato un miliardi di yen (8,5 milioni € ca.) di risarcimento per finanziare una fondazione per aiutare le sopravvissute.

La Corea del Sud ha a sua volta definito la decisione di Tokyo "molto deplorevole" e attraverso il portavoce del ministero degli Esteri Cho Giugno-Hyuck, ha aggiunto che il suo governo continuerà "a sviluppare le relazioni tra Corea del Sud e Giappone nell'ambito di una fiducia reciproca". 


http://uk.businessinsider.com/comfort-woman-statue-testing-landmark-agreement-between-japan-south-korea-2015-12?r=US&IR=TLa statua, posta il 28 dicembre nella città portuale meridionale di Busan da attivisti della Corea del Sud, è una copia di quella eretta di fronte all'ambasciata giapponese a Seul. 

Era stata rimossa, ma le autorità locali hanno cambiato la loro decisione e permesso ai militanti di installarla nuovamente. Questo cambiamento è seguito alla visita del 29 dicembre del ministro della difesa giapponese Tomomi Inada al Santuario Yasukuni di Tokyo, che onora dei criminali di guerra giapponesi. Questo approccio è stato visto come una provocazione da parte della Corea del Sud e Cina. 


Il monumento a Seoul, la rappresentazione in bronzo di una giovane donna seduta con un uccellino sulla spalla (uncomfortable), è diventato molto popolare in Corea del Sud. Il Giappone ritiene che avrebbe dovuto essere rimosso dopo la firma dell'accordo, ma Seul ritiene di aver detto solo che aveva accettato di studiare la possibilità di rimuoverlo. Per un anno, i militanti hanno fatto la guardia tutto il giorno per evitarne la rimozione. 

Più di venti monumenti di questo tipo sono visibili in Corea del Sud e una dozzina di altri paesi tra cui Stati UnitiCanada

Nessun commento: