giovedì 5 gennaio 2017

Il governo indifferente nei confronti degli stupri alle donne. Se la sono cercata.

Dopo vari stupri nella notte di Capodanno a Bangalore, i politici hanno suggerito che le vittime se l'erano cercata. La ministra dei diritti delle donne si rifiuta di reagire. 
http://www.dailyo.in/variety/bangalore-new-years-eve-womens-safety-molestation-sexual-assault-india-police/story/1/14851.html
La Ministra indiana per i diritti delle donne e dei bambini ha perso un'altra occasione per dimostrare di essere al vertice dell'incarico nel governo Modi. Alla domanda circa le dichiarazioni scandalosamente sessiste dei politici dopo gli attacchi effettuati contro diverse donne nella notte di Capodanno nelle strade di Bangalore, Maneka Gandhi si è dimostrata "rassegnata", come ha denunciato il giornale DNA-India in una nota di Mercoledì 4 gennaio. 

"Cosa succederebbe se io commentassi questo? Non posso, non si può fare niente", ha dichiarato. Conosciuta per aver detto l'anno scorso che le donne che vengono violentate devono essere punite, Abu Asim Azmi, figura di spicco del Samajwadi Party, aveva lamentato due giorni fa che "nella nostra epoca moderna più le donne mostrano la loro pelle, più sono alla moda". Il ministro degli Interni Karnataka, G. Parameshwara aveva, dal canto suo, osservato a proposito degli attacchi del 31 dicembre che "queste sono cose che succedono..." (Washington Post).

Maneka Gandhi è nel BJP, il partito nazionalista indù di Narendra Modi. Aveva già scosso l'opinione pubblica qualche mese fa, sostenendo che lo stupro coniugale era un concetto occidentale inapplicabile in India. Nel 2015, sottolinea DNA-India, i tentativi di stupro delle donne indiane sono aumentati del 12,9%. 

Nessun commento: