martedì 27 dicembre 2016

AYAHUASCA - PSICOTROPO ALLA MODA. Contro le dipendenze

I ricercatori psichiatri considerano questa bevanda allucinogena, classificata tra le droghe pesanti, una potenziale cura per dipendenze, depressione o sindrome post-traumatica. 
https://it.wikipedia.org/wiki/Banisteriopsis_caapi
Dominique (nome fittizio) era "cocainomane al massimo grado" e fumatrice di due pacchetti di sigarette al giorno, quando ha scoperto ayahuasca, una bevanda allucinogena originaria dell'Amazzonia, "Ho smesso del tutto, dal giorno alla notte, e senza sforzo". Questa franco-americana di Los Angeles è una delle migliaia di seguaci del beveraggio psichedelico che furoreggia negli Stati Uniti e sollecita l'attenzione dei ricercatori di psichiatria, che la vedono come potenziale cura per le dipendenze, la depressione o la sindrome post-traumatica. 

Classificata come droga pesante dalle autorità sanitarie, ayahuasca non è senza rischi. Soprattutto quando viene assunta nella clandestinità, aprendo la porta agli abusi.

Questo decotto di liana Banisteriopsis caapi e foglie di chacruna, preparato e mangiato come nei rituali sciamanici, da dieci anni ha incrementato la propria popolarità in modo esponenziale. Soprattutto nella Silicon Valley e ad Hollywood, dove molte stelle dello spettacolo - Sting, Paul Simon, Tori Amos, Lindsay Lohan - hanno descritto la loro esperienza.

"C'è un luogo comune che racconta siano hippy con le piume tra i capelli a prenderla, mentre, invece, sono progettisti, attori, parrucchieri, imprenditori, avvocati ..." dice Jeff, organizzatore di cerimonie. Il suo nome e quello dei consumatori sono stati modificati per preservare l'anonimato. "In un tempo segnato dal consumismo e dall' intrattenimento, le persone sono alla ricerca di forti esperienze spirituali", insiste.

Secondo Dennis McKenna, professore presso il Center for Spirituality and Healing della University of Minnesota Spiritualità, "ogni notte circa 100 cerimonie si svolgono a New York ed è molto verosimile che ve ne siano anche a Los Angeles o San Francisco". Ma è difficile saperlo con precisione, a causa della natura illecita di sostanza che contiene DMT, un potente farmaco psicotropo.

Negli Stati Uniti, solo due chiese di origine brasiliana installate nell'ovest americano possono legalmente utilizzarne in nome del loro rituale.

I critici deridono la popolarità della ayahuasca come roba all'ultima moda. I seguaci, dal canto loro, dicono di prenderne solo a diversi mesi di distanza.

Essi devono prima seguire una "dieta" rigorosa con una settimana di partecipazione alle cerimonie, che precedono, spesso si svolgono nella natura, con sequenze di meditazione e canto rituale.

L'ingestione di ayahuasca produce allucinazioni euforicche: "Ho avuto la sensazione di essere fuori dal mio corpo", dice Dominique. "Ho visto rondini rosa e violetto, forme geometriche verdi", rincara Leonard, un altro entusiasta.

Ma altri hanno visioni molto più scure, a volte terrificanti. Di solito accompagnate da vomito, è la "purga", "nella giungla, è considerata purificatrice", afferma Jeff.

Mentre alcuni ne vengono fuori senza cambiamenti, altri descrivono cambiamenti radicali. "Ho smesso di fumare, ho iniziato a meditare, a contatto con la natura, ho fatto la pace con i miei genitori", racconta Leonard.

I potenziali effetti curativi interessano sempre più i ricercatori, come Jessica Nielson, della Brain Injury Center della University of California, San Francisco (UCSF).

Ha iniziato a studiare l'ayahuasca dopo un viaggio in Perù dove ha visto "due persone con PTSD che sembravano completamente guarite dopo" averla assunta.

Lei cerca di ottenere l'approvazione della FDA per una sperimentazione clinica, ma il percorso è arduo con questa sostanza classificata droga pesante, anche se psicotropi, come MDMA e LSD stanno rimontando in psichiatria.

Eppure, ha detto Charles Grob, professore del dipartimento di psichiatria del centro medico Harbor-UCLA di Los Angeles, che "la medicina occidentale ha spesso difficoltà a trattare la dipendenza da droghe e alcol, così da far pensare che valga la pena di studiare" queste piste. 

Nessun commento: