mercoledì 20 luglio 2016

La ragazza austriaca rapita e prigioniera. La sua esistenza difficile.

La giovane Natascha Kampusch, rapita e rinchiusa all'età di 10 anni, liberata nel 2006. Ma la sua esistenza è difficile. 
http://kurier.at/chronik/oesterreich/kampusch-medien-zirkus-schraenkte-mich-ein/210.539.740
L'austriaca Natascha Kampusch, prigioniera per otto anni in una cantina, ancora bambina, ha rivelato a diversi media di non aver ancora trovato la "vita normale" a cui aspira, dieci anni dopo la fine del suo calvario. 

"Il circo mediatico", durato diversi anni dopo la sua fuga, il 23 agosto 2006 "l'ha limitata in molte cose" questa giovane donna, oggi ha 28 anni, si è sentita molto chiusa in "una sorta di seconda prigione", ha detto in
 un'intervista al quotidiano Kurier

"La cosiddetta vita normale non esiste", ha detto ed ha annunziato che, ai primi di agosto, sarà pubblicato un libro dal titolo "Dieci anni di libertà" (2006-2016). 

In un lungo rapporto sulla sua vita in Austria, in onda Lunedi notte sulla televisione pubblica austriaca ORF, la giovane donna ha detto di non essersi "sentita veramente libera" che in "rari momenti" nel corso di questi dieci anni. La causa principale "i pregiudizi" dell'opinione pubblica su questa storia che ha conquistato i media internazionali e ha dato luogo a molte voci su quegli anni di prigionia. 

Così anche le voci su un complice del suo rapitore, di età intorno ai 35 anni, hanno a lungo alimentato questi articoli. Diverse indagini hanno poi escluso questa ipotesi. 

"Ora inizia la fase in cui cerco di prendere il controllo della mia vita (...), come dire, 'Ho il diritto di essere, di vivere, di sviluppare me stessa' " dice ancora alla ORF. Ha anche detto di prendere lezioni di canto e di guida. 

Alcuni vecchi compagni di scuola, rimasti a lei vicini ne testimoniano la "forza" per ricostruire. 

La Kampusch ha visitato anche, con la squadra televisiva della tv austriaca, la casa di Strasshof, ad una trentina di chilometri da Vienna, dove è stata prigioniera, a pochi chilometri dal luogo del rapimento. 

La casa del suo rapitore ora le appartiene e dice di andarci ogni due mesi "quando c'è qualcosa da fare" per la manutenzione dei locali, come "cambiare il contatore o riparare il tetto", per esempio. 

Rapita, all'età di 10 anni quando andava a scuola, Natascha ha trascorso la maggior parte dei suoi anni di prigionia in un nascondiglio di 6m², costruito dal suo carceriere nel garage di questa casa. 

Lei rimase rinchiusa per "3096 giorni", come dice nel suo primo racconto pubblicato nel 2010. Il 23 agosto 2006, è riuscita a scappare e Priklopil si suicidò la sera stessa. 

"Lui ammirava Hitler e voleva che gli apparissi come una vittima dei nazisti". Il suo aguzzino le aveva dato degli abiti per coprirsi, poco cibo, l'aveva umiliata, costretta ai lavori forzati e si era rasato la testa. 

Un libro pubblicato in marzo, in Germania, un giornalista ed ex agente di polizia aveva rivelato che il suo rapitore aveva girato in video in cui si vede la ragazza costretta in queste pose degradanti. 

L'autore sosteneva di avere il permesso della giovane donna per scrivere questo libro, mentre la Kampusch ne aveva chiesto il suo ritiro in tribunale, da lei non ha ottenuto. 

Lei sostiene di non voler fare soldi con i suoi libri, ma "raccontare se stessa", la sua storia. 

Nessun commento: