lunedì 18 luglio 2016

Il ristorante dove si mangia nudi.

Sedere a tavola nel modo più semplice. Nudi al ristorante: il concetto incontra un enorme successo in un locale di Londra. 
http://uk.businessinsider.com/londons-naked-restaurant-the-bunyadi-2016-4
Questo è il ristorante superrichiesto, ora. Immaginate che quasi 46 000 persone erano in lista di attesa, già prima ancora che aprisse le sue porte nel mese di giugno. Mai visto. 

http://girlattherockshow.co.uk/2016/06/the-bunyadi/Il menu completamente vegetariano non sembra un gran che. 

A meno che non vogliate andare al Bunyadi (sito), a Londra, solo per mangiare nudi! 

Dopo i ristoranti dove tutto accade di notte, quelli in cui non si parla, quelli in cui si mangia sdraiati o seduti su vasi igienici, in galera, la cosa nuova è questa. 

"É fantastico", si affretta a dire una studentessa di design, che ha scelto Londra perchè noblesse oblige, che ha prenotato un tavolo per quattro, con amiche per i primi di agosto. Sappiate che ce n'è uno anche a Milano, con cibi da gourmet, ma lei ha scelto così "Celebreremo i nostri 20 anni lì. Sarà divertente. Spero che non sia troppo il fastidio, ma non credo ... ". 

In concreto, come funziona secondo voi? Si dovrebbe arrivare sul posto nudi sotto il cappotto? Di fatto, all'ingresso della struttura, un percorso vi porta ad uno spogliatoio dove ricevete un accappatoio, che si rimuove, ogni volta che si vuole, una volta in sala. 

C'è, un'atmosfera accogliente, vi aspettano a lume di candela e paraventi tra i tavoli. Naturalmente, i camerieri nudi al vostro servizio. Non vi preoccupi l'igiene in cucina, di fronte ai fornelli, restano sobriamente vestiti. 


"Crediamo che le persone dovrebbero avere l'opportunità di sperimentare la vita senza alcuna forma di dipendenza dall'elettricità, senza telefono, senza coloranti negli alimenti e senza vestiti. L'idea è quella di vivere un momento liberatorio", dice Seb Lyall, il fondatore di questa particolare istituzione, la cui vita credo proprio sarà effimera poiché chiude i battenti nel mese di settembre. Ma altri, sono, già nati a New York e Tokyo e un po' dappertutto. 

Diciamola tutta, che gusto c'è a mangiare nudo in un luogo pubblico? A questo tipo di domanda c'è la risposta "Questo può essere un modo di migliorarsi e di esprimere la libertà da molti vincoli imposti dalla società di oggi", dice lo specialista in sviluppo personale. Opinione condivisa dallo psicoanalista, che vede anche un modo per "rompere i vecchi tabù legati alla nudità" pur rimanendo fiducioso che il concetto interesserà solo alcuni profili umani. 


Lo psicanalista non è dei nostri, locali, che non esprimono pareri se non in politica. 


Sono insomma quelli che alcuni sociologi, chiamano "la gioventù urbana piuttosto benestante e alla moda". 

Ciò che porta a denudarsi in questo contesto è senza dubbio, il sapore della novità e il gusto del rischio, venato di voyeurismo ed esibizionismo, che, a mio parere, cadrà presto come un soufflé. 

Nessun commento: