lunedì 4 maggio 2015

Divieto per le musulmane del velo integrale.

Risparmiato dalla violenza islamista che colpisce il suo vicino Camerun, il Congo ha vietato alle musulmane di indossare il velo integrale nei luoghi pubblici "per prevenire qualsiasi atto di terrorismo", una decisione che sembra ben accetta alla minoranza musulmana. 

http://www.skynews.com.au/news/world/africa/2015/05/03/congo-bans-muslim-women-from-wearing-veil.htmlIl ministro degli Interni (Raymond Mboulou Zéphiryn) ha comunicato la decisione di vietare il velo integrale per le donne musulmane. La decisione è presa per prevenire atti di terrorismo e insicurezza, ha detto sabato El Hadj Abdoulaye Djibril Bopaka, che presiede il Consiglio Islamico Superiore del Congo. 


Il Consiglio, ha detto, è stato informato lunedi della decisione da parte del governo ed è stato indicato un termine di 15 giorni per l'informazione della comunità musulmana. 

"Le donne musulmane possono ora mettere il loro velo integrale a casa, in luoghi di culto, ma non in ambiente pubblico", ha detto il signor Bokapa, aggiungendo che "le donne che indossano il velo integrale non rappresentano che una piccola minoranza". 

Secondo il Consiglio Islamico Superiore, il Congo ha circa 800.000 fedeli musulmani, il 90% provengono da paesi dell'Africa occidentale e il mondo arabo e il 10% di congolesi. 

Secondo le stime ufficiali, la stragrande maggioranza dei credenti congolesi sono cristiani (80%). 

"La decisione dell'autorità è buona perché vi è la prova che i non musulmani si nascondono dietro il velo (quello integrale) per commettere azioni antisociali", ha continuato. 

A differenza del suo vicino di casa, il Camerun, colpito duramente dal gruppo islamico nigeriano Boko Haram, il Congo non ha registrato, ad oggi, nessuno di tali attacchi sul suo territorio. 

In Nigeria, diversi attacchi mortali sono stati commessi da donne o ragazze che nascondevano esplosivi sotto il loro hijab

Al contrario, nessun attacco è stato perpetrato in territorio congolese. In un'intervista a Bloomberg, il presidente congolese Denis Sassou Nguesso, afferma che solo "la cooperazione internazionale è in grado di superare Boko Haram". 

In ambienti del Ministero dell'Interno, si dice, in forma anonima, che il divieto "fa parte dell'operazione Mbata è Bakolo", lanciata nel mese di aprile 2014 per la lotta contro l'immigrazione illegale e l'insicurezza. 

Poto-Poto è uno dei quartieri musulmani di Brazzaville, sede di numerose moschee. Dal momento in cui è comparso il divieto del velo integrale, nessun movimento di protesta è stato registrato. Inoltre, il Consiglio Islamico del Congo ha lanciato una campagna di informazione e sensibilizzazione tra i musulmani. 

"Abbiamo bisogno di ben informare per evitare di cadere nella trappola degli errori suggeriti dalla cattiva propaganda", ha detto Bopaka. "Abbiamo già avuto un positivo incontro con l'imam di Brazzaville che si è impegnato alla collaborazione ... la sicurezza è anche una questione religiosa". 

A Poto-Poto, un cittadino di origine del Benin, ha dichiarato di avere "le mogli spesso velate" e sottolinea che "non si oppone alla decisione del governo". Ma aggiunge una sfumatura, cioè che "la decisione presa dall'autorità Stato, a volte viene applicata male". Bopaka avverte che "non accetteremo il disordine e gli slittamenti nell'attuazione della presente decisione, perché noi tutti vogliamo la sicurezza". 

Un'altro 35enne, musulmano nigeriano in Congo dal 2009, dice che "se il governo ritiene che il paese sia esposto ad alcuni rischi, può emettere divieti... Questo è del tutto normale. Non possiamo condannare una tale decisione....". 

"La legge non è né cristiana né musulmana, la legge è la legge", dice un altro in un negozio fornitissimo di Poto-Poto, tra le bancarelle dove quattro su cinque sono operatori stranieri in maggioranza dell'Africa occidentale. 

"Tutti noi vediamo che ci sono tentazioni terroristiche di qua e di là..." il dibattito è aperto ma il diviero non verrà contestato. Così sembra. 

Nessun commento: