domenica 19 aprile 2015

Decapitare un astice in pubblico. Uccidere per mangiare. La protesta.

La performance "accidens" di Rodrigo Garcia, durante la quale un astice vivo è tagliato in due, molto fa discutere. 

http://quefaire.paris.fr/fiche/103955_festival_etrange_cargo_2015Presentata come parte del festival "Etrange Cargo" alla Ménagerie des verres, la performance ha scatenato una petizione su internet (30.000 firme) e l'indignazione delle associazioni degli animalisti. In Polonia, qui un uomo è salito sul palco per cercare di salvare l'astice ... proprio come a Parigi, dove uno spettatore si era alzato, martedì, per cercare di salvare il crostaceo sospeso ad un filo. 
Ma subito si è seduto dopo le invettive del regista, adirato. 
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=4&cad=rja&uact=8&ved=0CDkQFjAD&url=http%3A%2F%2Frodrigogarcia.es%2F&ei=L2IzVcqKJpCx7QaVkoHgCg&usg=AFQjCNGmdSIJod6bIo9Sbp9m0Xp9VR62PQ&sig2=UTRmiJRUviqdXHW_MSrLKg

L'uccisione di un'astice non è affatto banale per Rodrigo Garcia. Si tratta di un "atto primitivo", "un ritorno alla natura: uccidere un animale per mangiare". L'atto gli ricorda anche "il buio di un passato, non così lontano, in Argentina", la repressione e la tortura. 

Molti spettatori lasciano il locale, altri contemplano in silenzio l'astice, mentre si ascolta il battito cardiaco ripreso da un microfono. L'attore, scuro in volto, raccoglie in tre lunghi minuti la coda dell'animale e la posa accuratamente sopra un piano di lavoro prima di un taglio netto nel bel mezzo e metterlo sulla griglia, dove saltella crepitando per un po'. 

Nato a Buenos Aires da padre macellaio e madre fruttivendola, Rodrigo Garcia ha chiamato la sua attività "La Carniceria Teatro" (teatro del macellaio) e utilizza regolarmente gli animali. Sprezzante nei confronti della società dei consumi, ritiene che l'uomo moderno abbia "dimenticato il rapporto tra uomini e animali nella cultura". 

In una lettera pubblicata sul suo sito web, si rivogle ai firmatari della petizione, che "si lasciano manipolare da estranei" e "dirigere dai demiurghi dei social network": "Che sia chiaro sin sall'inizio: Siete completamente idioti", dice.

Partito dall'Argentina, direttore da gennaio 2014 del Centro Drammatico Nazionale a Montpellier, raramente lascia indifferenti. Nel 2011, il suo "Golgota picnic" aveva sollevato le ire delle associazioni cattoliche in Francia, prima di essere cancellata del tutto dalla cattolica Polonia. 

Alla fine di marzo, il Freedom Theatre di Tolone ha ricevuto minacce relative alle prestazioni "Et balancez mes cendres sur Mickey (spargete le mie ceneri su Mickey)", un gioco in cui l'attore immerse per dieci secondi quattro criceti in un acquario. 

A suo modo, Rodrigo Garcia, osserva che i criceti fuori dall'acqua sono "esattamente nello stesso stato di prima, sono soltanto bagnati (...) come quando camminano nelle fogne della città e devono fare il bagno se l'acqua li porta con sè". 

Per quanto riguarda l'astice, muore "per una ragione poetica", a differenza delle "centomila aragoste sui tavoli dei ristoranti" consumate ogni giorno nel mondo.

Rodrigo Garcia - Accidens. Matar para comer (2009). 

Nessun commento: