giovedì 12 marzo 2015

E se fossero dissuasi dallo stupro con degli assorbenti igienici!

Gli assorbenti veicolano i suoi messaggi femministi - La lotta al sessismo con un assorbente alla volta
L'idea é venuta da una ragazza tedesca, Elone (account istagram), che ha deciso di distribuirli per le strade di Karlsruhe con dei messaggi femministi. 
http://mic.com/articles/112390/this-woman-is-combating-sexism-one-menstrual-pad-at-a-time

"Immaginate se gli uomini fossero disgustati dallo stupro come lo sono dalle regole". Questo il messaggio scritto su uno degli assorbenti attaccato ad un palo per le strade di Karlsruhe, in Germania. L'originale idea é di Elone, una giovane donna tedesca che ha fotografato il suo "lavoro" prima di pubblicarlo sui social network. È scritto nella didascalia: "Oggi ne ho distribuiti alcuni in città, non sono sicura che sia legale, ma, sul serio, non mi interessa, perché sono facili da rimuovere, haha. Penso che questo sia un buon modo per attirare l'attenzione su questo: il #femminismo". 

Così la giovane donna ha fatto questo incredibile progetto. L'obiettivo sarebbe quello di veicolare altri messaggi sugli stupri delle donne, l'uguaglianza uomo-donna o, ancora, il sessismo. 

La sua idea è provocare rumore. Elone ha ricevuto migliaia di messaggi di sostegno da parte degli utenti di Internet. Lei incoraggia a riprodurre il suo lavoro e condividerne le foto sui social network. "Voglio vedere le vostre belle immagini (desidero solo fare il punto sulla situazione), il femminismo significa uguaglianza, non odiare gli uomini", ha detto sul suo account Tumblr

"I violenti stuprano le persone, non i modi di vestire. "Saresti così bello se ... - NO" ... Molti altri messaggi sono stati scritti sugli assorbenti e incollati per le strade (Vedi buzzfeed)

Incoraggia la riflessione? Secondo il sito Madmoizelle.COM , "è vero che, per quanto piccolo e poco ingombrante, l'assorbente attira l'attenzione quando è in un luogo insolito. Attirare lo sguardo è attirare l'attenzione, invitare al dibattito e alla discussione".

Nessun commento: