venerdì 13 febbraio 2015

Una coppia abbracciata da 6000 anni.

Sembra sia raro trovare in suolo greco un giovane uomo e una giovane donna sepolti in un abbraccio eterno. Il ritrovamento risale al Neolitico. 

http://www.zarpa.gr/%CE%B5%CE%BA%CF%80%CE%BB%CE%B7%CE%BA%CF%84%CE%B9%CE%BA%CE%AE-%CE%B1%CE%BD%CE%B1%CE%BA%CE%AC%CE%BB%CF%85%CF%88%CE%B7-%CF%83%CF%84%CE%BF-%CE%B4%CE%B9%CF%81%CF%8C-%CE%B2%CF%81%CE%AE%CE%BA%CE%B1%CE%BD/Gli archeologi hanno fatto questa scoperta nel Peloponneso, un fatto raro, una sepoltura di una coppia abbracciata. Risale a circa 6.000 anni, secondo il Ministero della Cultura in un comunicato. 

La coppia, ridotta a puri scheletri, vissuta intorno al 3800 aC, secondo la datazione al carbonio 14, é stata scoperta in una grotta a Diros, appena a sud della penisola, came riferisce il Ministero.

Nella sua dichiarazione, osserva che "doppie sepolture con abbraccio sono molto rare e quella di Diros è una delle più antiche, se non la più antica trovata finora nel mondo".

I test del DNA hanno dimostrato che questi erano i resti di un giovane uomo e una giovane donna sepolti parallelamente l'uno all'altra 'come cucchiai'. Per pura coincidenza, la scoperta della tomba dei due amanti è stata annunciata due giorni prima di San Valentino. 

Gli scavi nel sito, conclusi lo scorso anno, hanno anche portato alla luce la tomba di un bambino e quella di un feto, oltre ad un ossario largo quattro metri, con un pavimento di ciottoli, contenente resti di decine di persone e descritto dagli archeologi come "unico", per il momento.

"Crediamo con certezza che questo luogo sia stato utilizzato per depositare i morti per migliaia di anni", ha riferito il Ministero in un comunicato.

Nessun commento: