domenica 22 aprile 2018

Senza cervello ma intelligenti. Il mondo vegetale è sensibile ed intelligente.

Le piante non hanno cervello, ma hanno incredibili capacità decisionali, secondo il biologo italiano Stefano Mancuso. 

https://www.lafeltrinelli.it/libri/alessandra-viola/verde-brillante-sensibilita-e-intelligenza/9788809811096?zanpid=2420526316035692544&gclid=Cj0KCQjw8MvWBRC8ARIsAOFSVBU01pGbERl5k72WKRzdD_DGy7zBNWlZdRoodIWj7qcoFcNgeNlkrxIaAv7kEALw_wcBL'intelligenza del filo d'erba, a prima vista, sembra una provocazione. Possiamo parlare di intelligenza delle piante? Le piante non hanno cervello. Non hanno né bocca né orecchie, naso o sistema nervoso, eppure respirano, si nutrono, memorizzano, prendono decisioni, comunicano tra loro, sviluppano strategie. 

Secondo il biologo italiano Stefano Mancuso, sono socievoli e sofisticate, almeno tanto quanto noi. 

In 'Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale', pubblicato con la giornalista Alessandra Viola, questo professore all'Università di Firenze e direttore del laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale, smonta i nostri pregiudizi e sconfigge l'idea di un'organizzazione della natura piramidale, dominata dall'uomo, dove le piante non sarebbero altro che ornamenti o materie prime. 

Il termine intelligenza, Stefano Mancuso, lo assume pienamente. 'La definizione di intelligenza varia molto a seconda di quale scienziato tu poni alla domanda', avverte. 'Per me è la capacità di risolvere i problemi, e da questo punto di vista le piante sono estremamente brillanti. Noi, animali, usiamo la nostra mobilità per evitare problemi, mentre le piante sono costrette a risolverli perché non possono sfuggire'. 

Nessun commento: