lunedì 5 febbraio 2018

Lotta contro il cancro. Aumentano i sopravvissiti e i malati.

Se i progressi scientifici fanno sempre più sopravvissuti al cancro, ci sono anche sempre più pazienti. 
https://twitter.com/WHO/status/959926323534802946
La ricerca sul cancro fornisce sempre più trattamenti e fa progredire la sopravvivenza. La Giornata mondiale contro il cancro, 4 febbraio, tuttavia, è un'occasione per ricordare che ci sono sempre più pazienti. 

Il cancro, o il gruppo di patologie raggruppate sotto questo nome generico, ha ucciso 8,8 milioni di persone nel 2015 secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Questo lo rende la seconda causa di morte in tutto il mondo, dopo le malattie cardiovascolari. 

Il paradosso è che sopravviviamo sempre più grazie ai progressi della medicina, ma che il numero di casi aumenta. Secondo l'OMS, si prevede un balzo del 70% nei prossimi due decenni. 

Sappiamo come prevenire, come curare, guarire sempre più e meglio. Sappiamo come affrontarlo. Ma, nella migliore delle ipotesi, siamo ancora in surplace. Per l'OMS, che festeggia quest'anno i 100 anni, la lotta non è mai finita. 

Diversi sono i fattori che spiegano la crescente frequenza della malattia nel mondo. In primo luogo, l'invecchiamento della popolazione, dal momento che il rischio di contrarre il cancro aumenta con l'età. 

Poi ci sono fattori strutturali. Le devastazioni del tabacco, il principale prodotto del cancro nel mondo. Il 'cibo spazzatura', la diffusione nel mondo di una dieta industriale che aumenta l'obesità, che è uno dei fattori di rischio. 

Infine l'industrializzazione e l'urbanizzazione scarsamente controllate e causa dei tumori dovuti all'esposizione a sostanze inquinanti come amianto, metalli pesanti, diossine, particelle sottili, ecc. 

Uno studio appena pubblicato da The Lancet, che copre 37,5 milioni di pazienti tra il 2000 e il 2014, mostra che la sopravvivenza sta progredendo. 

Se si vogliono meno morti per cancro, ci sono due strade: in primo luogo la migliore prevenzione, in secondo luogo il miglioramento delle cure per le persone colpite. 

Per il cancro al seno, ad esempio, la sopravvivenza rimane elevata nei paesi più ricchi del pianeta (il 90% negli Stati Uniti, l'87% in Francia, ad esempio), ed è aumentato significativamente nei paesi in via di sviluppo. In Algeria, ad esempio, i dati molto incompleti sono incoraggianti: il 77% delle donne colpite è sopravvissuta nel 2010-2014, rispetto al 39% nel 2000-2004. 

Nel cancro come altrove, il denaro è il coraggio sono il nerbo per combattere. 'Equity' è il tema di questa Giornata Mondiale del 2018. Il denaro necessario per curare il cancro è così tanto che oggi questa Equità è piuttosto mal distribuita. 

"Sembra verosimile affermare che il costo globale del trattamento e dell'assistenza per il cancro nel 2017 abbia superato i $ 300 miliardi", secondo i ricercatori che hanno pubblicato su Lancet. Un altro studio, in Cancer Epidemiology, stima che 46 miliardi di dollari di produttività si perdono ogni anno nei cinque paesi del 'Brics' (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), che rappresentano il 42% delle morti per cancro. 

'La mancanza di accesso al trattamento provoca morti premature che avrebbero potuto essere evitate', afferma Sanchia Aranda, direttore esecutivo del Cancer Council Australia

La ricerca sta procedendo, teorica o applicata, con sempre più nei numerosi studi, laboratori, trattamenti. A maggio, il gruppo di servizi farmaceutici Iqvia ha riferito di più di '600 molecole nella fase finale di sviluppo' nel mondo, rispetto alle circa 400 di dieci anni fa. Ma non tutti i pazienti traggono beneficio da questi progressi altrettanto rapidamente. 

Nessun commento: