giovedì 18 agosto 2016

NEL PERMAFROST, VIRUS E BATTERI ATTENDONO IL DISGELO

I recenti casi di antrace nel nord russo hanno evidenziato i rischi per la salute connessi con lo scioglimento dei terreni ghiacciati, dove sono intrappolati virus formidabili a volte per millenni. 
https://ojoalclima.com/en-siberia-virus-y-bacterias-esperan-la-hora-del-deshielo-por-calentamiento-global/
Sapevamo già dell'effetto drammatico dello scongelamento del permafrost, terreno ghiacciato permanentemente in profondità, sugli stili di vita e gli ecosistemi. Il popolo della penisola di Jamal, 2.500 chilometri a est di Mosca, ha subito una conseguenza molto concreta. 

https://it.wikipedia.org/wiki/AntraceUn bambino è morto e altre 23 persone sono state infettate dalla comparsa alla fine di luglio del carbonchio ematico, noto anche come antrace, che manca da 75 anni in questa regione. 

Per gli scienziati, la causa probabilmente dipende dallo scongelamento di una renna uccisa dall'antrace, lì da decenni. Liberato, il batterio mortale, il bacillo sotto forma di spore, facilmente si è diffuso, infettando quindi le mandrie di renne, molto numerose nella regione. 

"Può un tale processo ripetersi? Naturalmente", ha avvertito in una recente conferenza stampa Boris Kerchengoltz specialista ricercatore presso l'Istituto Russo per i Problemi biologica del permafrost. 

La Russia si riscalda 2,5 volte più velocemente, in media, rispetto al resto del mondo. I cambiamenti climatici sono ancora più veloci nella regione artica. Nella penisola di Jamal popolata soprattutto da pastori di renne nomadi, tra il Mar di Kara e il Golfo di Ob, la temperature ha superato di 8 gradi quella normale della stagione nel mese di luglio, e si avvicina ai 35 gradi. 

"Stiamo parlando di un luogo al di là del circolo polare", dice Sergei Semenov, direttore dell'Istituto russo di clima. "Questa è un'anomalia senza precedenti". Per gli scienziati, la minaccia è tutt'altro che limitata al carbonchio. 

"Ci sono residui di vaiolo" nel Grande Nord dalla fine del XIX secolo. I ricercatori hanno scoperto "virus giganti" nei resti di mammut, attualmente studiati, ha spiegato Viktor Maléïev, vice direttore dell'Istituto russo per la Ricerca Epidemiologica.

"Penso che il cambiamento climatico porterà molte sorprese", ha avvertito. "Non voglio spaventare nessuno, ma dovremmo essere pronti per questo". 

Per questo esperto, la diffusione di casi di antrace sarebbe stata meglio contenuta se le renne fossero state vaccinate in maniera massiccia. Dmitri Kobylkine, governatore della regione di Yamalo-Nenetski, dove più di 2.000 renne sono morte questa estate, ha detto che le vaccinazioni si sono fermate dieci anni fa, forse perché abbiamo pensato che l'antrace fosse scomparso dopo tanto tempo. "Un errore molto grave", ha riconosciuto. 

Ha stimato che la zona interessata (quella contaminata più una una zona cuscinetto) in 12'650 km2. "La disinfezione continuerà fino a quando non ci saranno prove certe che il terreno non mostri più tracce di antrace", ha assicurato il funzionario.

Più di 1.500 persone sono state vaccinate e più di 700 persone a rischio dovrebbero prendere antibiotici, secondo le autorità locali. Circa 270 soldati sono stati dispiegati per cremare i resti degli animali infetti. 

Si tratta di una situazione senza precedenti in Russia, "sia in termini di grandezza che di complessità", ha detto il governatore. "Non abbiamo mai considerato o previsto tale minaccia batteriologica", ha riconosciuto. 

Gli scienziati si lamentano che non si investa nella ricerca sui cambiamenti climatici, le autorità riducono le risorse stanziate per la scienza e spendono invece di più per rispondere alle emergenze. 

Valery Malinin, oceanografo delI'Istituto russo Idrometeorologico, ha detto che un programma di ricerca sul clima era stato stabilito nel 2010, quando un fumo soffocante aveva aggredito Mosca dopo gli incendi .... Prima di essere "in realtà sepolto". 

"Quando si è di fronte alle distruzioni, noi continuiamo a pensare che sarebbe stato necessario poterle evitare, ma quando le passioni cadono, ci dimentichiamo tutto", si lamenta. "Jamal è un segnale di allarme: La natura continuerà a sfidarci". 

Nessun commento: