sabato 10 febbraio 2018

Il nuovo codice autorizza i giudici a circolare in auto anche in stato di ubriachezza.

La polizia russa non ha più la facoltà di arrestare i giudici che commettono infrazioni stradali, anche quando alla guida siano in stato di ebbrezza. 

http://tass.com/society/989117Il nuovo codice della strada, pubblicato dal quotidiano ufficiale russo ed entrato in vigore venerdì, vieta alla polizia stradale di ritirare ai giudici la patente di guida, per sottoporli a controlli sugli alcolici e persino per redigere un verbale in caso di infrazione al codice della strada. 

L'unica possibilità rimasta per gli agenti di polizia che desiderino applicare la legge, per scrivere un verbale sul reato commesso, è quella di inviarlo al Ministero della Giustizia. 

Tale regime preferenziale esisteva già nel codice della strada ma si applicava solo ai pubblici ministeri. Principalmente allo scopo di 'impedire alla polizia di esercitare pressioni sui pubblici ministeri', come aveva sottolineato l'Ufficio del procuratore generale della Russia. 

La legislazione contro i guidatori ubriachi è stata recentemente rafforzata in Russia: i conducenti che hanno causato un incidente mortale sotto l'influenza dell'alcol ora devono scontare una pena minima di due anni di carcere. 

La Russia rimane uno dei primi paesi al mondo per mortalità stradale, principalmente a causa della guida sotto gli effetti dell'alcol, anche a causa del cattivo stato delle infrastrutture stradali e della mancanza di rispetto delle regole del traffico. Circa 20.000 persone muoiono ogni anno sulle strade della Russia.

Nessun commento: