martedì 26 dicembre 2017

Saremo privati del caffè, in un prossimo futuro, a causa dell'innalzamento del clima.

Prossima vittima del riscaldamento globale, il caffè dovrebbe vedere le sue colture seriamente compromesse entro il 2050. Il piccolo chicco nero potrebbe benissimo diventare un prodotto di lusso. 

https://phys.org/news/2017-12-coffee-industry-roasted-climatechange.htmlPossiamo finalmente sorseggiare tre o quattro caffè al giorno senza temere per la salute. L'anno 2017 è stato quello della riabilitazione del caffè. Mentre aveva avuto una cattiva fama nel mondo della medicina, il suo consumo - a una dose ragionevole - è ora riconosciuto come benefico. 

Secondo uno studio del British Medical Journal, la bevanda contribuirebbe a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, diabete, demenza e alcuni tipi di cancro. Aumenterebbe persino l'aspettativa di vita. Ma approfittiamone, perché potrebbe diventare raro entro pochi decenni. 

Gli scienziati di tutto il mondo si sono riuniti per studiare l'impatto dei cambiamenti climatici sulla crescita del caffè prendendo come modello il caso dell'America Latina, che vanta oltre l'80% della produzione mondiale di caffèdi qualità arabica. Secondo le loro stime e gli scenari prefigurati, entro il 2050, le aree di produzione del caffè diminuiranno dal 73% all'88%. 

In questione: non solo l'aumento delle temperature, le variazioni delle precipitazioni e gli eventi meteorologici estremi, ma anche le api, le cui specie saranno meno numerose ed assortite. La deforestazione non aiuterà, dal momento che molti impollinatori dipendono da questo ambiente per sopravvivere. 

Il periodo 2016-2017 ha visto la produzione di caffè raggiungere livelli record, con oltre 160 milioni di sacchi (60 kg). 'Le cifre si riferivano principalmente al miglioramento delle tecniche agricole e dei fertilizzanti in Vietnam e in Brasile', si afferma tra i commercianti di caffè, i quali sottolineano che la produzione, al contrario, è in calo in altri paesi, in particolare a causa del riscaldamento e dell'urbanizzazione. 

Nessuna preoccupazione, tuttavia, sul versante del caffè ad alta quota, da aree che hanno molti margini di tempo prima di diventare troppo caldi, per questo tipo di raccolto, Forse nelle regioni più basse, gli alberi del caffè riusciranno ad adattarsi al clima futuro. 

Non si esclude che il riscaldamento faccia in modo che alcune regioni, troppo fredde, siano in grado di produrre caffè. Perché non l'Italia? Ma nel caso contrario, è possibile che il caffè diventi un prodotto di lusso ... lasciandoci tornare alle cicorie. 

Nessun commento: