venerdì 4 agosto 2017

La bellezza femminile assoluta esiste. É misurabile.

Secondo i ricercatori, la linea femminile perfetta esiste, non è soggettiva, dal momento che è matematicamente dimostrata. Sarà vero o falso? La bellezza femminile può essere misurata scientificamente? 

http://beppedeleonardis.blogspot.it/2015/08/la-percezione-della-bellezza-femminile.htmlDa oltre venti anni i ricercatori ne sono convinti. Per molti di loro, la formula matematica per la donna perfetta non riguarda le dimensioni del torace o la lunghezza delle gambe. Ciò che maggiormente avvince l'uomo è un rapporto molto particolare tra la vita e fianchi: 0.7. Sette decimi dei fianchi. 

Nel 2013, un antropologo della Nuova Zelanda ha anche avanzato una spiegazione scientifica: il cervello maschile associa queste proporzioni ad una donna in buona salute e in grado di garantire una prole sana. Non è una questione di gusto, ma del riflesso dell'istinto di sopravvivenza della specie. 

Un team guidato da un chirurgo estetico a Monaco di Baviera ha voluto definire la cosa e pacificare gli animi. Non ha seguito altro criterio se non quello del WHR (Waist to Hip Ratio - rapporto vita fianchi) e nessun'altra influenza sui partecipanti al test. Sono state loro sottoposte otto immagini della stessa donna, che, però, è stata digitalmente ingrandita o ridotta per abbinare i rapporti dei glutei, portati da 0,68 (il più grande) a 0,75 (il più piccolo). 

La silhouette che ha ottenuto il maggior numero di voti? Ancora una volta quella con rapporto 0.7, con il 37% dei votanti, seguita dai due modelli più stretti, 0,71 (21%) e 0,69 (19%). 

Una particolarità di questo studio, è stato pubblicato sul giornale della società dei chirurghi plastici americani, per coinvolgere molti chirurghi estetici. Che da parte loro hanno anche principalmente scelto questo tipo di figura. Il canone della bellezza corrisponde, dunque, ad una sorta di tacito consenso. 

I fautori di questa teoria spesso portano come prova il fatto che le più celebri bellezze, tutte, hanno un rapporto vicino a 0,7 (uno studio ha anche calcolato che la pin-up della doppia pagina di Playboy misura 0.68 in media). Ma altri vedono in questo tipo di postulato un approccio piuttosto sessista, prendendoli in contropiede. Questo accade perché i media e la pubblicità evidenziano un certo tipo di donne, questa è la ragione per cui il pubblico vede il modello ideale di bellezza e non il contrario. 

Per molti chirurghi plastici, l'equazione della figura perfetta è artificiale. "Questo permette di adeguarsi a certi modelli ed essere in grado di contare su un presunto  modello perfetto. É evidente, invece, che gli standard di bellezza variano attraverso le culture e le epoche. Si usa questo cosiddetto standard 0,7 solo per pazienti specifici, del tipo manichini. Sanno le loro misurazioni a memoria e, a volte, trovano i difetti che vogliono correggere. Si cerca di dissuaderle dicendo loro che i loro corpi soddisfano già i canoni della bellezza ideale...". 

Se lo studio di Monaco di Baviera mostra che il rapporto 0,7 è considerato attraente da una vasta gamma di persone, conclude, tuttavia, che non è universalmente applicabile. I risultati mostrano che la percezione estetica è influenzata da etnie, area geografica e culturale. Bisognerebbe, in futuro, vedere se, aumentando la parte posteriore di molte donne, i chirurghi non contribuiscano a plasmare un nuovo modello di bellezza. 

Questo tipo di interventi è in aumento, affermano i chirurghi. Ma nella chirurgia plastica, non c'è niente di peggio che fare riferimento a proporzioni presumibilmente ideali. In fondo, lo studio lo sottolinea, la soluzione è quella di trovare  l'equilibrio tra gli occhi del paziente e quelli del medico. 

Nessun commento: