sabato 5 agosto 2017

Aumento della mortalità in Europa per il riscaldamento climatico

Il riscaldamento globale potrebbe causare più di 150.000 morti l'anno sul Vecchio Continente entro la fine del secolo: ondate di calore, inondazioni, tempeste e altri eventi estremi potranno causare 152.000 decessi all'anno in Europa entro la fine del secolo, contro circa 3.000 all'anno attuali, soprattutto a causa del riscaldamento globale. 

http://www.lemonde.fr/planete/article/2017/08/05/d-ici-a-2100-deux-europeens-sur-trois-seront-affectes-par-des-evenements-climatiques-extremes_5168929_3244.htmlDue europei su tre potranno essere esposti a tali disastri, ogni anno entro il 2100, contro il 5% nel periodo 1981-2010. Lo hanno scritto, oggi, i ricercatori del Centro comune di ricerca della Commissione europea su Lancet Planetary Health. Questo significa che potrebbero morire, essere feriti, malati, perdere le loro case o subire gli effetti indiretti come lo stress dopo gli eventi (tavola dei rischi). 

"Se il riscaldamento globale non sarà contenuto con urgenza e se non verranno prese misure adeguate appropriate, circa 350 milioni di europei potranno essere esposti ogni anno a pericolosi fenomeni climatici estremi entro la fine del secolo", hanno detto. 

Gli scienziati hanno studiato l'effetto di sette disastri meteo mortali: ondate di calore, ondate di freddo, incendi, siccità, inondazioni o tempeste di fiume e di mare nei 28 paesi dell'Unione Europea più Svizzera, Norvegia e Islanda. 

Essi hanno inoltre analizzato 2300 disastri durante il periodo 1981-2010 (tipo di disastro, paese, anno, numero di morti) per stimare la vulnerabilità delle popolazioni a ciascuno di questi fenomeni. I dati sono stati combinati con le proiezioni dell'evoluzione dei cambiamenti climatici, la crescita e la migrazione della popolazione. 

Le ondate di calore saranno il fenomeno più letale, causando il 99% dei decessi correlati agli eventi estremi, dicono gli studiosi. Il numero di morti che provocano potrebbe "crescere in modo esponenziale", passando da 2700 a 151'500 all'anno (5.400%). 

I morti a causa di inondazioni costiere potrebbero anche aumentare in modo significativo (3.780%), raggiungendo 233 morti ogni anno, alla fine del secolo, contro solo sei nel periodo 1981-2010. Gli aumenti sono inferiori per gli incendi (138%), inondazioni fluviali (54%), le tempeste (20%). A causa del riscaldamento globale, il bilancio delle vittime a causa delle ondate di freddo calerà bruscamente senza peraltro compensare questi aumenti, dicono i ricercatori. 

L'aumento dei decessi è dovuto al riscaldamento globale per il 90% e solo per il 10% all'aumento della popolazione, l'urbanizzazione e la migrazione nelle aree a rischio. Il Sud Europa rischia di essere più colpito rispetto al nord, con un numero di morti in aumento pari a 700 per milione di persone ogni anno, alla fine del secolo, contro 11 dell'inizio. 

I ricercatori hanno preso in considerazione le emissioni di gas serra e posto il pianeta in un percorso di un aumento della temperatura globale di 3° C entro il 2100 rispetto al 1990. La comunità internazionale si è impegnata nel 2015, con gli accordi di Parigi a limitare il riscaldamento globale a 2° C rispetto ai livelli del periodo pre-industriale. 

Lo studio non prevede il miglioramento delle politiche per ridurre l'impatto di questi fenomeni. Pertanto, i risultati "possono essere sottovalutati". 

Secondo uno studio pubblicato mercoledì dalla rivista Science, se non si interviene per ridurre i gas a effetto serra, l'estremo calore umido causato dal riscaldamento globale, potrebbe rendere Asia del Sud, sede di un quinto dell'umanità, inabitabile entro la fine del secolo.

Nessun commento: