martedì 8 agosto 2017

Gli animali domestici inquinano mangiando. L'impatto ambientale secondo lo scienziato.

Le diete a base di carne per cani e gatti emettono milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, secondo uno studio. Ma sono in grado di farne a meno? 

http://newsroom.ucla.edu/releases/the-truth-about-cats-and-dogs-environmental-impactDobbiamo sottoporre i nostri animali domestici ad una dieta vegetariana per il bene del pianeta? Questa è la domanda sollevata da uno studio pubblicato mercoledì dalla University of California. Secondo i ricercatori, la carne utilizzata per alimentare i 163 milioni di gatti e cani degli Stati Uniti produce l'equivalente di 64 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno. Più di un quarto dell'impatto ambientali della produzione di dieta a base di carne nel paese. 

Sulla base di questi dati, si può immaginare che, calcolando in due milioni (approssimativamente), i pasti di Felix e Fido italiani sarebbero responsabili di 800.000 tonnellate di CO2 ogni anno in Italia. 'La proprietà degli animali è in aumento in alcuni paesi in via di sviluppo, in particolare la Cina, e la tendenza è un mangime contenente più carne', dicono gli esperti. 

Pur sottolineando che non si può parlare nel merito della validità di questo studio, al WWF riconoscono che gli animali mangiano carne e che questa ha un impatto tutt'altro che trascurabile sull'ambiente. 

Un portavoce aggiunge che '... il cibo per cani e gatti è spesso fatto di rifiuti a base di carne che gli esseri umani non mangiano. A noi sembra che non possa affermare che siano al 100% responsabile di questo impatto'. 

Malgrado questo, non sarebbero preferibile che gli animali fossero vegetariani? è sempre dal WWF che rispondono 'Non si può sostituire un cane con un coniglio. Le persone che vogliono un cane o un gatto, è perché hanno certi bisogni o che vogliono fare alcune attività con loro'. 

Per il bene dell'ambiente potrebbero i nostri amici a quattro zampe fare lo sforzo di adattarsi a prodotti non a base di carne? 'Il gatto è rigorosamente carnivoro, ha bisogno di un alto contenuto di proteine e il cane è un onnivoro', dice lo specialista e sottolinea che 'il cibo vegetariano per cani e gatti è già presente sul mercato. 'Ma non ci sono abbastanza studi per conoscere il loro effetto sul lungo termine. In tutti i casi, gli animali che seguono tale regime devono essere strettamente monitorati'.

Il veterinario parla sull'importanza di sostituire tutti i nutrienti della carne con sostanze provenienti da piante o creati artificialmente. 

Lo specialista, tuttavia, solleva il dubbio che privare gli animali sia la soluzione più legittima. 'Noi esseri umani, dovremmo essere in grado di realizzare il risparmio energetico modificando le nostre abitudini in diverse aree, prima di attaccare le altre specie'. 'Si potrebbe anche immaginare di chiedere ai proprietari di gatti e cani di adottare una dieta vegetariana se stessi per compensare ciò che i loro animali domestici mangiano', aggiunge il portavoce del WWF. 
_________
Vedi anche: 


Nessun commento: