domenica 6 marzo 2016

Boom del Captagon, la "droga jihadista"

Le autorità siriane e libanesi stanno cercando di porre fine al traffico di Captagon. Questo materiale è molto popolare tra i combattenti in Siria. 

http://www.insostanza.it/droghe-guerre-captogon-isis/
Il caos in quella regione ha dato una spinta enorme, in questo paese e nel vicino Libano, alla produzione ed al traffico di Captagon, un farmaco per i combattenti, ma anche molto popolare negli Stati del Golfo. 

Prodotto a base di anfetamine, il Captagon è usato come psicostimolante per ridurre la paura, ma avrebbe anche qualità afrodisiache. 

Negli ultimi mesi, i servizi di sicurezza siriani e libanesi hanno lanciato una caccia contro la droga, prodotta in luoghi dove le autorità locali sono lassiste o inesistenti.

Da quando la crisi è iniziata in Siria, quel paese e il Libano sono diventati il terreno preferito per il traffico Captagon. L'invenzione di questa sostanza data, naturalmente, non è degli ultimi anni, ma quando il traffico è esploso, il Libano ne è diventato un paese esportatore, come si legge nelle cronache di quelle latitudini. 

Il Captagon è classificato dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) come "stimolante di tipo anfetaminico". Di solito è mescolato con caffeina e altre sostanze. 

Il 30 dicembre, le autorità libanesi annunciarono che, in coordinamento con l'Arabia Saudita,  avevano sequestrato 12 milioni di pillole Captagon e arrestato il "cervello" della cellula responsabile dell'esportazione verso il Golfo.

Due mesi prima, avevano arrestato all'aeroporto di Beirut, un principe saudita e altri quattro cittadini del regno che si preparavano a lasciare il paese con quasi due tonnellate di queste anfetamine. 

IL generale Maamoun Ammouri, capo della agenzia antidroga in Siria, è orgoglioso della sua squadra per aver messo le mani nel 2015 su oltre 24 milioni di pillole, di cui cinque milioni sequestrate al porto di Tartous (ovest) mentre erano in partenza per il Kuwait.

In Siria, devastata dalla guerra, le autorità sostengono che il Captagon è presente nelle zone sotto il controllo dei ribelli, tra cui il nord e vicino a Damasco. 

Questi gruppi "vogliono diffondere questo veleno nelle zone controllate dallo Stato per finanziare e comprare armi", spiega l'alto ufficiale siriano. "Allora il farmaco viene somministrato ai loro combattenti perchè diventino insensibili a tali decapitazioni ed esecuzioni".

Un degli ex rifugiati ribelli in Libano ha detto ad un'agenzia di stampa di aver consumato questa pillola con i suoi commilitoni, così "ha eliminato la fatica e la paura e ci ha permesso di essere svegli più a lungo ... e ci ha dato un coraggio ed un'energia incredibili". 

Secondo un comandante ribelle siriano, "il gruppo Stato Islamico, il Fronte al-Nosra (ramo siriano di Al-Qaeda) e i gruppi islamici proibiscono l'uso di questi farmaci perché contrari alla legge islamica", ma ne producono per raccogliere fondi. 

In Libano, i laboratori che producono Captagon sono sparsi soprattutto lungo il confine con la Siria, a est o a nord, secondo le fonti della Sicurezza. 

"La fabbricazione non richiede molto spazio. In tutta tranquillità è possibile produrre milioni di pillole anche in un furgone", come riferiscono altre fonti della Sicurezza riportate dalle agenzie. 

Un produttore di Captagon, per esempio, nella pianura della Bekaa libanese (nord-est), che ha rifiutato di essere identificato, ha detto che i trafficanti avevano acquistato da lui sacchetti contenenti ciascuno 200 pillole, aggiungendo che "Produrre Captagon richiede anfetamine più alcool e acido citrico". 

Questo signore fa prima seccare gli ingredienti prima di metterli in una pressa, generalmente utilizzata per indurire la pillola. Poi il farmaco viene esportato illegalmente attraverso l'aeroporto e il porto di Beirut. 

Il Captagon non è popolare in Libano e la domanda è molto più bassa rispetto ad altri farmaci a causa del suo prezzo elevato, tra 5 e 10 dollari a pillola (da 4,6 a 9,2 €). 

I paesi del Golfo ne sono i primi consumatori, in particolare l'Arabia Saudita, che è destinataria della maggior parte della mercanzia. Qui ne consumano molto perché pensano sia uno stimolante sessuale, una specie di viagra.

Il ministero dell'Interno Saudita ha annunciato nel mese di novembre che erano entrate nel corso dell'anno 22,4 milioni di capsule del farmaco. Va detto che questi trafficanti, nel paese, rischiano la pena di morte.

"Di anfetamine fecero largo uso, per esempio, i soldati di Hitler. Quando il 14 maggio 1940, dopo solo 4 giorni, le truppe dell'armata nazista conquistarono l'Olanda, fu determinante la loro capacità di combattere senza sosta, giorno e notte, senza dormire. Secondo quanto sostenuto da Norman Ohler nel recente saggio Der totale Rausch ("La totale euforia"), questa resistenza sarebbe stata garantita dal Pervitin, un "farmaco militarmente prezioso" usato regolarmente anche dal generale Rommel e dallo stesso Hitler" (da Focus).

Nessun commento: