giovedì 29 giugno 2017

Su Facebook un gruppo segreto per 1000000 di donne. Enorme successo.

Mark Zuckerberg ha incontrato, la fondatrice nigeriana di questa pagina intesa come spazio di discussione per le donne nel paese. 
http://edition.cnn.com/2015/06/30/africa/being-female-in-nigeria/
Essere una donna in Nigeria non è cosa facile. Nel nord, il gruppo jihadista Boko Haram è tristemente famoso per l'infame rapimento di più di 276 studentesse Chibok il 14 aprile 2014 - la maggior parte di loro, da allora, è stata liberata

Questo spettacolare sequestro di massa che ha sconvolto il mondo non è che una goccia nell'oceano delle violenze subite dalle donne nel nord-est, dove il conflitto tra i combattenti jihadisti e le forze governative da anni causano migliaia di stupri e rapimenti. 

Anche nella vita di tutti i giorni, in altre parti della Nigeria, le donne devono subire la pressione di una società maschilista e patriarcale. Una norma sociale che ha spinto molte donne a denunciare la discriminazione di cui erano vittime utilizzando l'hashtag 
(letteralmente "Essere donna in Nigeria") su Twitter dal 2015. 

"Alcuni dicono che le donne devono obbedire agli uomini, perché questa è la nostra cultura. Ma la nostra cultura è in continua evoluzione", confidava sull'argomento la nigeriana Chimamanda Adichie Ngozie, durante una conferenza (vedi filmato fondo pagina). 

Il movimento femminista ha avuto un successo ancora maggiore su Facebook. Come riportato dal sito di notizie Quartz, un gruppo di discussioni private intitolato "Female IN (in Nigeria)" (FIN) è stato creato e comprende più di un milione di iscritti, ad oggi. 


FIN permette alle donne di esprimersi senza timore di essere giudicate sulla discriminazione o sui problemi che devono affrontare nella loro vita in Nigeria o anche nella diaspora all'estero. "I membri di questo gruppo condividono le loro esperienze in materia di discriminazione di genere, di abusi domestici, di violenza o stupri", dice Quartz. 

Quale segno della portata del movimento su Facebook, il boss del colosso statunitense Mark Zuckerberg ha incontrato Lola Omolola (TIMES) espatriata nigeriana a Chicago e fondatrice di «female IN" (Fb). Il miliardario ha dichiarato di voler imparare da questo esempio per capire come incoraggiare la discussione di tali comunità su Facebook. 

Nessun commento: