giovedì 6 aprile 2017

Forte aumento degli atti terroristici nei paesi occidentali. Nel 2016 +175%

L'anno scorso 4151 atti terroristici sono stati eseguiti nel mondo, contro i 3633 del 2015, secondo una dichiarazione rilasciata oggi. L'aumento è del 175% nei paesi occidentali. 
http://www.aon.com/unitedkingdom/products-and-services/risk-services/terrorism-political-violence-map.jsp
Il numero di attacchi terroristici in tutto il mondo è aumentato del 14% nel 2016 rispetto al 2015 e, per quanto riguarda i paesi occidentali, del 175%, dice uno studio del broker assicurativo internazionale Aon, pubblicato oggi.

L'anno scorso vi sono stati 4151 atti di terrorismo in tutto il mondo, contro i 3633 del 2015, secondo la dichiarazione presentata dagli esperti di Aon. Nei paesi occidentali, questo numero è aumentato da 35, nel 2015, a 96 nel 2016, detto dal broker che pubblica i luoghi nella sua mappa di rischi politici, terroristici e di violenza politica. 

Nonostante questo forte aumento delle attività terroristiche nei paesi occidentali, essi rappresentano solo il 3% della violenza terroristica nel mondo, dicono gli esperti Aon che basano la loro carta in collaborazione con gli specialisti della società di Roubini Global Economics e Advisory Group Risk

Questa mappa mostra un aumento previsto nel 2017 di questi rischi, con 17 paesi classificati al più alto livello. Per il secondo anno consecutivo, molti più paesi sono saliti nella scala di rischio (19) piuttosto che discesi (11). 

"Lo scenario non è roseo per il 2017", ha detto Louis Bollaert, direttore del rischio politico in Aon Francia. "Non vediamo alcun motivo per cui la situazione migliori. L'effetto cumulativo di politica, economica e terrorismo si combinano per creare un ambiente altamente incerto". 

Nel comunicato che accompagna la distribuzione della mappa 2017, Aon ritiene che "è improbabile che il rischio di violenza politica diminuisca nel 2017 (...). Le perdite territoriali per il gruppo dello Stato islamico in Iraq e Siria probabilmente porterà alla dispersione della rete jihadista, causando gravi rischi per decine di paesi della regione e anche oltre, in particolare in Europa e in Asia". 

Nessun commento: