giovedì 30 marzo 2017

Le virtù del ragno che protegge dai danni dell'ictus

I ricercatori stanno studiando una proteina che potrebbe proteggere il cervello anche diverse ore dopo un ictus
https://health.spectator.co.uk/can-spider-venom-protect-brain-cells-after-a-stroke/
Una piccola proteina ricavata dal veleno di un ragno potrebbe proteggere il cervello dopo un ictus, secondo i ricercatori australiani. Chiamata "Hi1a" blocca il meccanismo cerebrale principalmente responsabile per danni al cervello che si verificano dopo un ictus. 

"Crediamo che abbiamo trovato per la prima volta un modo per ridurre al minimo gli effetti devastanti di un ictus," Brain ha detto il professor Glenn King dell 'Istituto per la Bioscienze Molecolari presso l'Università del Queensland, in Australia, uno dei principali autori di questa scoperta pubblicati lunedi nelle relazioni della American Academy of Sciences (PNAS).

"Gli studi preclinici hanno dimostrato che una singola dose di questa proteina somministrata otto ore dopo un ictus protegge i tessuti cerebrali e migliora notevolmente le prestazioni neurologiche", spiega il ricercatore. 

"Questa scoperta ci aiuterà a fornire una prospettiva più favorevole per i sopravvissuti all'ictus limitando i danni cerebrali e le disabilità devastanti che provoca ..."

"... L'ictus che deriva dalla formazione di un coagulo di sangue, provoca sei milioni di morti ogni anno nel mondo, lasciando cinque milioni di sopravvissuti con disabilità permanenti. 
Uno degli aspetti più promettenti di questa proteina è che fornisce un eccezionale livello di protezione nelle otto ore successive ad un ictus, che rappresenta una finestra eccezionalmente lunga per un trattamento di questo tipo". 

Secondo i ricercatori questa proteina fornisce anche un certo grado di protezione alle regioni centrali del cervello che sono le più vulnerabili alla deprivazione di ossigeno e sono generalmente danneggate irreversibilmente a causa della rapida distruzione delle cellule cerebrali da parte dell'ictus. 

"Stiamo lavorando per raccogliere fondi per finanziare gli studi clinici al fine di commercializzare rapidamente questa terapia promettente", dice il Professor King. 

Nessun commento: