venerdì 31 marzo 2017

Ötzi, ucciso dopo un alterco. Risolto il giallo della mummia congelata.


Gli investigatori di oggi risolvono l'antico mistero di più di cinquemila anni fa. La Mummia del Similaun

https://www.nytimes.com/2017/03/26/world/europe/bolzano-italy-iceman-south-tyrol-museum-of-archaeology.htmlLe attuali tecniche delle scienze forensi hanno contribuito a ricostruire le ultime ore di vita di Ötzi - il famoso "Uomo venuto dal ghiaccio" trovato nelle Alpi nel 1991 - ci sono voluti cinquemila e 300 anni. 

Il New York Times descrive queste indagini, che sembrano confermare il suo assassinio provocato da una freccia nella schiena. 

Quando l'ispettore Alexander Horn della polizia di Monaco, è stato contattato dal Museo Archeologico di Bolzano non si aspettava di dover risolvere un caso così vecchio. La sua missione? Scoprire le cause della morte di Ötzi, l'uomo la cui mummia è stata perfettamente conservata nel ghiaccio per migliaia di anni, scoperto nel 1991 nelle Alpi ed ora conservato dal museo italiano. 

Dieci anni fa, l'uso dei raggi X aveva già permesso di ipotizzare che Ötzi fosse morto per una freccia nella schiena. "Dopo una serie di informazioni scientifiche raccolte dai ricercatori, l'ispettore Horn è stato ora in grado di ricostruire un quadro notevolmente accurato di ciò che è accaduto all'Iceman in quel giorno fatidico circa 3300 aC sulle Alpi Sudtirolesi (Ötztal)", scrive il New York Times

L'uomo era di circa 1,65 metri, pesava 50 chili, aveva gli occhi marroni e capelli castano scuro, circa 45 anni, "rispettabile età per il Neolitico", dice il quotidiano. tecnologie particolarmente avanzate e discipline esotiche - come l'Archeobotanica o Paleometallurgia - sono state utilizzate per cercare di capire cosa successe. 

Secondo l'ispettore, Ötzi è stato coinvolto in un violento alterco nel suo villaggio, un giorno o due prima della sua morte. Lui ne sarebbe venuto fuori vincitore. Più tardi, avrebbe installato un campo in quota. "Circa mezz'ora prima della sua morte consumò un vero e proprio pasto (cotto)", osserva l'ispettore. "Se hai fretta e tenti di sfuggire a qualcuno che cerca di ucciderti questa non è la prima cosa che faresti" ha aggiunto. 

Posizionato ad una distanza di circa 30 metri, il killer ha scagliato una freccia nella schiena. "Il suo obiettivo era chiaramente quello di ucciderlo e ha scelto un tiro da lunga distanza. Potrebbe darsi, a conclusione di quello che era successo uno o due giorni prima", spiega Horn al New York Times, "una vicenda molto simile a quelle che vediamo oggi. La maggior parte degli omicidi hanno ragioni personali, sono il risultato di violenze e di escalation di violenze". 

Ci sono poche possibilità che il colpevole sia stato trovato quella sera ... "Sia in vita che dopo la morte, l'uomo venuto dal ghiaccio ci appare stranamente familiare ai suoi discendenti moderni", dice al New York Times Katharina Hersel, Vice Direttrice del museo che ospita Ötzim che conclude: 

"Continuiamo ad ucciderci l'un l'altro, non ci sono stati tanti cambiamenti, dopo tutto". 


Vedi anche 
La voce di Ötzi, morto di freddo più di 5000 anni fa.

Nessun commento: