sabato 11 febbraio 2017

L'impollinazione affidata ai mini droni. Le api alla riscossa?

Si lavora attorno a un piccolo robot rivestito da tre milioni di crini di cavallo con un gel agli ioni. Pubblicato giovedi. 
https://www.sciencedaily.com/releases/2017/02/170209133506.htm
Il mini drone dotato di un gel speciale che gli permette di impollinare i fiori è stato creato da ricercatori giapponesi per aiutare le api, essenziali per fertilizzare le colture, ma minacciato da inquinamento e pesticidi. 

Questo piccolo impollinatore robot telecomandato dotato di quattro eliche, è coperto da tre milioni di crini rivestiti con un gel ionico, caricato elettricamente, che cattura il polline di un fiore prima di andare a posarlo sui pistilli di un altro, dicono gli scienziati del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology (AIST). Questi lavori soprattutto opera del chimico Eijiro Miyako sono stati pubblicati giovedi sulla rivista "Science Daily". 

Questi droni possono funzionare per 150 minuti con una batteria ricaricabile. In esperimenti separati con le formiche e mosche, questo gel, scoperto per caso un decennio fa da Eijiro Miyako, ha anche degli effetti mimetici perché cambia colore a seconda delle diverse sorgenti luminose. 

Questa proprietà potrebbe aiutare a proteggere gli impollinatori mini robot dai predatori che cercano di distruggerli scambiandoli per insetti. Un robot diffusore di polline, di dimensioni variabili da 10 a 100 micron (µ - 1mm= 1000.000µ) con molte forme, è primo fra tutti nella ​​potenzialità di sostituire l'impollinazione manuale, noiosa e costosa, ancora praticata per alcune colture. 

Gli agricoltori che vogliono creare specie ibride o prevenire l'impollinazione selvatica non hanno davvero altra scelta che impollinare i loro raccolti a mano, con i pennelli, spiegano i ricercatori. 

Nella provincia cinese di Sichuan, peri e meli che producono frutti pregiati sono impollinati a mano, dagli stessi produttori che utilizzano pesticidi per uccidere gli insetti e impediscono l'impollinazione selvaggia da altre varietà. Ma questo metodo può andar bene se utilizzato su aree relativamente ridotte. l'impollinazione a mano di vaste distese di alberi di mele negli Stati Uniti, ad esempio, costerebbe circa 880 milioni di dollari, secondo le stime dei ricercatori. 

Utilizzando un l'impollinazione con sofisticati robot-insetti è, quindi, un'opzione interessante soprattutto al rapido declino del numero di api in tutto il mondo. Al ritmo attuale di scomparsa delle popolazioni di questi insetti, gli impollinatori robotici potrebbero un giorno essere l'unica alternativa. 

Intere colonie di api sono state decimate negli ultimi decenni da malattie e parassiti, nonché dagli effetti nocivi dei pesticidi. Le coltivazioni di frutta e verdura inpollinate dalle api rappresentano oltre $ 15 miliardi ogni anno negli Stati Uniti. 

La comparsa di impollinatori robot è diventata possibile grazie ai progressi nelle micro-fabbricazioni recenti, che producono macchine intelligenti di una dimensione vicina a quella delle api. I progressi nella visione artificiale e l'uso del GPS aprono anche la strada a robot autonomi. 

"Questi risultati, che avranno applicazioni per l'agricoltura e la robotica, tra gli altri, porteranno allo sviluppo di impollinatori artificiali e contribuire ad affrontare i problemi derivanti dal calo delle popolazioni di api", dice Eijiro Miyako. 

"Crediamo che questi impollinatori robot possano essere programmati per seguire i viaggi di impollinazione utilizzando il GPS e l'intelligenza artificiale". Anche se questo lavoro è ancora lungi dall'essere attuato nelle colture rappresentano un primo passo nella preparazione per un futuro in cui le api saranno sempre più rare. 

Oltre a questi scienziati giapponesi, diversi gruppi di ricerca stanno lavorando sullo sviluppo di tali mini-robot impollinatori, l'Università di Harvard o all'interno del gruppo Google. 

Nessun commento: