mercoledì 22 febbraio 2017

Catalogo senza donne. “Where my girls at?” - Segregazione sessuale?


L'Ikea ignora le donne. L'azienda ha pubblicato un catalogo con un uomo, senza moglie o ragazza. Reprimenda degli ultra-ortodossi in Israele. 
http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-4923188,00.html
La filiale israeliana del gigante di mobili svedese Ikea ha chiesto scusa dopo la pubblicazione di un catalogo non contenente immagini con le donne per sedurre la clientela ebraica ortodossa. 

Questo opuscolo, il primo del suo genere, è stato progettato da indirizzare a questa comunità che rappresenta circa il dieci per cento della popolazione israeliana e che persegue un'interpretazione restrittiva della legge ebraica. Il catalogo conteneva il prodotto atteso, per il loro piacere, così come sono le grandi librerie per custodire i libri sacri, riferisce il sito di notizie Ynet on-line

La copertina mostra un ultra-ortodosso che sfoglia un libro vicino a una grande libreria piena di testi sacri, mentre due ragazzi giocano su un tappeto. "Progettato specificamente per te", si legge in ebraico. 

Secondo Ynet, questo catalogo ha causato molte reazioni. Alcuni ebrei ortodossi osservano sia stata perpetrata una segregazione di genere in cui le immagini di donne e ragazze vengono eliminate proprio negli annunci a loro rivolti

Una portavoce di Ikea in Svezia, ha ricordato che il marchio "ha difeso la parità dei diritti". "Abbiamo scoperto che la brochure della sezione locale di Ikea non l'ha rispettata", ha aggiunto. Shuky Coblenza, direttore esecutivo della filiale israeliana, che ha riconosciuto che un opuscolo personalizzato è stato pubblicato nel mese di febbraio e ha espresso le sue scuse. 

Ikea, con circa 400 negozi in circa 50 paesi in tutto il mondo, ha tre punti vendita in Israele. 

Nessun commento: