venerdì 30 dicembre 2016

Le studentesse si nascondono nelle scuole per sfuggire alle mutilazioni genitali

In Kenya, le studentesse evitano il ritorno alle loro famiglie per le vacanze, per paura di essere vittime di mutilazioni genitali. 
https://www.facebook.com/Beyond-FGM-201353666577507/?fref=ts&ref=br_tf
Beyond FGM  -  riti di passaggio alternativi alla circoncisione, escissione
In alcune parti del Kenya, la tradizione della escissione (circoncisione femminile, infibulazione) è radicata da decenni. Questo è per esempio il caso della gente Masai nella quale le ragazze adolescenti sono spesso circoncise prima del loro matrimonio.

Secondo i dati dell'UNICEF, il 49% delle donne keniote di età compresa tra 45 a 49 hanno subito la mutilazione dei loro organi genitali durante la loro vita. Se questa proporzione scende al 15% tra le ragazze dai 15 ai 19 anni, questa pratica barbara è ancora saldamente radicata tra alcuni gruppi etnici che compongono la popolazione. 

Secondo Les Observateurs, sito di informazione, così come nel Pokot, una contea situata nell'estremo Kenya occidentale, l'85% delle donne sono circoncise. Per le studentesse, il periodo di Natale è quello più pericoloso di tutti.

"Dicembre è la 'stagione' delle mutilazioni genitali. Questo periodo di vacanze copre 64 giorni, dai primi di novembre alla fine di dicembre. Altri periodi di vacanza sono nei mesi di aprile e agosto e durano solo due settimane. Quando le ragazze tornano a casa per un lungo periodo, le famiglie approfittano della possibilità di organizzare cerimonie tradizionali di transizione verso l'età adulta, quali l'escissione e il matrimonio", dice una locale attivista anti-escissione osservatori al sito Les Observateurs (già cit.).

Due leggi approvate in Kenya nel 2001 e nel 2011 hanno vietato l'escissione femminile e rafforzato le sanzioni nei confronti dei responsabili della mutilazione genitale. Ma le autorità sono ancora riluttanti a intraprendere azioni legali, come spiegato dal quotidiano britannico The Guardian nel 2014. Un all'impunità che favorisce gli autori di questi atti.

Oltre a mutilare le ragazze, le mutilazioni genitali femminili, spesso eseguite con strumenti non sterilizzati, aumentano il rischio di trasmissione dell'HIV. Le operazioni, sono spesso realizzate con lame di rasoio e possono causare emorragie, infezioni, anche la morte. Fausano anche gravi conseguenze fisiche e psicologiche per tutta la vita delle donne, come ricorda l'Organizzazione Mondiale della Sanità

Nessun commento: