mercoledì 19 ottobre 2016

Gli elefanti stanno perdendo le zanne. Evoluzioni e bracconaggio.

Il bracconaggio cambia l'anatomia degli elefanti. In Mozambico, una grande percentuale di elefantesse nate senza zanne. 

La popolazione di elefanti è in netto calo nel continente africano. Un censimento senza precedenti, il censimento del Grande Elefante, presentato ai primi di settembre, rivela che il numero di elefanti è diminuito del 30% tra il 2007 e il 2014 in Africa. La questione in ballo: i bracconieri che cacciano giù animali per l'avorio, che corre sempre piùcon prezzi più che vertiginosi nel mercato asiatico. 

Eppure nonostante la minaccia della caccia di frodo, gli elefanti sono in grado di cambiamenti sorprendenti nel loro codice genetico. Il sito Nautilus spiega che uno studio condotto dalla scienziata Joyce Pool in collaborazione con l'Howard Hughes Medical Institute rivela che l'anatomia dellele popolazioni di elefanti installati in Mozambico è cambiato molto rapidamente durante la guerra civile che ha devastato il paese in cui il bracconaggio è esploso nella regione, uccidendo il 90% dei grandi mammiferi. 
Normalmente, il 2-6% degli elefanti femmine sono nate senza zanne. Una anomalia genetica che non si applica ai maschi che hanno un bisogno vitale delle loro zanne per i loro combattimenti. Ma nel Gorongosa parco del Mozambico, la metà delle donne che erano adulte durante la guerra civile durata 15 anni e conclusa nel 1992 non avevano, naturalmente, le proprie difese. L'altra metà è stata semplicemente uccisa dai bracconieri, fa notare il sito Nautilus. Oggi, mentre la pressione del bracconaggio è diminuita nella regione, un terzo delle femmine sempre nasce senza avorio. 

"La prima volta che sono venuta qui nel 2011, ho osservato un gruppo di 50 elefanti. La maggior parte non aveva difese", dice la scienziata Joyce Pool in un mini-documentario. 

Altre popolazioni di elefanti nel Selous Game Reserve in Tanzania e Uganda, hanno di sofferto bracconaggio pesante, hanno le stesse caratteristiche, secondo Joyce Pool. 

Nessun commento: