giovedì 20 ottobre 2016

Dopo gli attentati in Francia i giovani sono più impegnati.

Gli attacchi del 13 novembre hanno avuto un impatto sulle scelte giovanili, va reinventata una nuova forma di democrazia che dia voce ai giovani. 
http://www.lexpress.fr/actualite/societe/les-jeunes-s-engagent-davantage-depuis-les-attentats-du-13-novembre_1841854.html
Una delle poche conseguenze positive degli attacchi del 13 novembre, i giovani sono più coinvolti nella vita della comunità o in una organizzazione, secondo uno studio del Centro di Ricerca per lo Studio e l'Osservazione delle Condizioni di vita (crédoc) pubblicato martedì 18.

Un giovane su cinque (19%) dichiara di essersi impegnato per una causa o aver pensato di farlo dopo gli attentati che hanno ucciso 130 persone a Parigi, lo dice lo studio del Crédoc per la Direction de la jeunesse e da la vie associative (Djepva) del il Ministero della Gioventù e dello Sport. 

Gli attacchi, tuttavia, hanno sollevato in questa generazione anche reazioni negative: si sentono meno sicuri (58%) e sono diffidenti nei confronti di determinati gruppi di persone (50%). Ma questi eventi hanno anche orientato a coltivare altri sentimenti come il patriottismo, la casa (49%) o la solidarietà (47%), mentre poco meno della metà (43%) ritengono che le loro libertà si sono ridotte. 

La quota tra i 18-30 anni, volontari e benefattori, passa dal 26% del 2015 al 35%. Particolarmente l'impegno regolare è aumentato maggiormente (9% nel 2015 contro il 14% nel 2016). I giovani uomini sono più propensi ad impegnarsi più delle donnedonne: il 17% contro il 11%. 

"No, i giovani non sono ripiegati su se stessi. Molti di loro, tra questi, danno il loro tempo nell'impegno verso gli altri", ha detto il ministro della Gioventù e dello Sport Patrick Kanner, aggiungendo "le tragedie che abbiamo conosciuto nel 2015 hanno amplificato questa sete impegno".

"I giovani sembrano allontanarsi dagli impegni politici convenzionali. Tocca a noi reinventare una nuova forma di democrazia che dia voce ai giovani", ha detto in seguito.

Prime fra le cause o le attività che desiderano difendere i giovani di età tra 18 e 30 anni, sport (22%). Poi vengono la salute e per l'ambiente (20%), la giovinezza e l'istruzione (19%), la cultura, il sociale o la pace nel mondo (15%). 

Il capitale finanziario e il bagaglio culturale rafforzano il volontariato, come il livello di istruzione. I tassi di partecipazione sono infatti più elevati tra gli studenti (17%), tra i giovani occupati (15%), i laureati di istruzione superiore (16%) e quelli ad alto reddito alto reddito (16%).

Quelli che non vogliono impegnarsi sono anche i più insicuri. Spesso meno istruiti, hanno più probabilità di essere disoccupati o senza formazione (21% contro il 14% in media).

Questi i risultati del sondaggio nazionale condotto online dal Credoc con il supporto dell'Istituto Nazionale per la gioventù e l'istruzione popolare (INJEP) su 4.000 giovani di età compresa tra 18 e 30 anni da dicembre 2015 a gennaio 2016.

Nessun commento: