mercoledì 21 settembre 2016

La vita creata senza ovociti. Nuove frontiere per la paternità?

Gli scienziati hanno ottenuto topi viventi senza l'utilizzo di ovociti. Un evento che sconvolge i principi fondamentali dell'embriologia e lascia intravedere nel futuro alcuni bambini con "due padri". 
http://www.bbc.com/news/health-37337215
"Se diamo credito agli scienziati un giorno vedremo nascere bambini a base di cellule della pelle, piuttosto che ovociti", inizia così The Guardian, "una possibilità che potrebbe trasformare non solo i nostri sforzi nel replicare animali in via di estinzione ma anche il trattamento dell'infertilità nell'uomo". 

Questa possibilità si è palesata quando i biologi dell'Università di Bath (Regno Unito), in collaborazione con embriologi giapponesi, sono riusciti a riprodurre topi senza l'utilizzo di embrioni. Fino ad ora, la comunità scientifica pensava che i gameti femminili fossero essenziali per lo sviluppo degli embrioni. 

Per raggiungere questi risultati, pubblicati il 13 settembre sul sito di Nature Communications, il team ha utilizzato embrioni in una fase molto precoce, prima ancora della prima divisione cellulare e degli spermatozoi. 

Il primo passo è stato quello di utilizzare prodotti chimici per "ingannare" gli embrioni e trasformarli in partenogameti (soggetti in grado di replicarsi secondo partenogenesi), nell'embrione si avrebbe solo la metà dei cromosomi necessari e non è normalmente praticabile nei mammiferi. 

"Questi embrioni 'falsi' hanno molte caratteristiche simili a quelle delle cellule normali, come le cellule della pelle, nel modo in cui si dividono e controllano il loro DNA", dice la BBC

Poi i ricercatori hanno iniettato spermatozoi nel partenogamete. "Hanno adattato una tecnica chiamata ICSI, frequentemente utilizzata per la fecondazione in vitro umana, in cui lo sperma è iniettato direttamente nell'uovo", dice il Financial Times

Fecondato e collocato nell'utero del topo, i partenogameti si sono sviluppati in embrioni veri e propri "con i geni di entrambi i genitori: quelli del donatore di sperma e quelli del donatore dell'embrione originale", spiega il giornale. 

I topi nati da questo esperimento di laboratorio sono cresciuti sani e in grado di produrre prole, essa stessa sana. Tuttavia, non tutti gli embrioni creati hanno portato a dei topi. Di 104 embrioni, "solo 30 sono sopravvissuti", ricorda New Scientist in un articolo che spiega in dettaglio perché i bambini a due padri non sono ancora una realtà biologica. 

Riusciremo un giorno ad unire due cellule di due individui, in laboratorio, senza né sperma o ovociti? "Non lo so", risponde sul Financial Times Tony Perry, uno degli autori della studio, "ma penso che se fosse possibile un giorno in un lontano futuro, la gente si guarderà indietro per dire che questo è il momento dove tutto è cominciato".
_____________
* il termine partenogameti usato in questo articolo è la traduzione di haploid parthenogenotes

Nessun commento: