sabato 9 aprile 2016

Un tempio indù rimuove il divieto d'ingresso alle donne.

Le donne in un luogo di culto: "peccato grave"
Alcuni attivisti devoti avevano ingaggiato un braccio di ferro per il diritto per le donne di entrare nel tempio di Shani Shingnapur, India. 

http://indianexpress.com/article/india/india-news-india/shani-shingnapur-temple-ban-lifted-women-entry-maharashtra/

Un tempio indù in India occidentale, venerdì, ha revocato il divieto, che risale a diversi secoli addietro, il divieto per le donne di entrare nel suo perimetro. Questa azione è stata adottata dopo una decisione del giudice

Gli attivisti avevano ingaggiato forme di protesta per il diritto delle donne di entrare nel perimetro del tempio di Shani Shingnapur, dopo che le autorità avevano impedito lo scorso anno l'accesso alle donne nel sancta santorum, nel cuore di questo luogo. 

"Abbiamo seguito la decisione della corte e permesso alle donne di entrare nel santuario", ha dichiarato Satish, un funzionario del tempio del distretto di Ahmednagar, nello stato del Magarashtra. 

L'Alta Corte di Bombay aveva deciso la settimana scorsa che le donne hanno il diritto fondamentale di accesso ai luoghi di culto e che le autorità devono garantire la loro sicurezza. 

Aveva ricevuto una richiesta da parte della Bhumata Brigade, un gruppo di donne che aveva cercato di entrare nel tempio a gennaio con decine di altri attivisti. 

Molti siti religiosi in India tradizionalmente proibiscono l'accesso delle donne agli spazi più sacri, come templi e mausolei. Il tempio Sabarimala in Kerala (sud) e vieta l'accesso alle donne dai 10 ai 50 anni

http://www.dnaindia.com/india/report-shani-temple-sabarimala-sree-padmanabhaswamy-haji-ali-entry-to-women-2196954Le donne non possono entrare nel santuario Haji Ali Dargah a Mumbai dal 2011. Il trust di cervelli che gestisce il luogo ritiene che la presenza delle donne presso la tomba di un santo sia "un peccato grave" nell'Islam. 

Nessun commento: