martedì 1 marzo 2016

Google ha iniziato a sviluppare un algoritmo che indovina dove è stata scattata una foto

L'algoritmo sa indovinare il luogo in cui è stata scattata una foto, anche quando l'utente ha dei dati di geolocalizzazione disabilitati.
http://www.numerama.com/tech/148564-google-commence-a-deviner-la-localisation-dune-photo-sans-donnees-exif.html
Impiegato da Google, il ricercatore Tobia Weyland ha pubblicato con due colleghi uno studio ripreso da  PlaNet, in cui si spiega il lavoro su un'applicazione di intelligenza artificiale in grado di indovinare dove è stata presa una foto, semplicemente analizzando l'immagine stessa. 

Per raggiungere questo obiettivo, dice Numerama, i ricercatori hanno sviluppato una rete neurale artificiale, con le classiche tecniche di deep learning. Il sistema di intelligenza artificiale ha imparato, prima, da solo a scoprire le somiglianze tra le immagini scattate sostanzialmente negli stessi luoghi. Dopo hanno iniettato nel sistema 126 milioni di immagini delle quali avevano i dati di geolocalizzazione Exif (Exchangeable image file format) in "26.000 situazioni" in tutto il mondo, esse stesse ulteriormente suddivise. 

Il sistema ha fagocitato tutte le immagini e dedotto le caratteristiche comuni in ogni luogo (ad esempio un albero che cresce solo in un posto del genere, la regione è molto nevosa, la zona è montagnosa, l'architettura tipica di una città, un simile edificio si trova qui, ecc). Poi i ricercatori hanno preso un nuovo campione di 2,3 milioni di fotografie da Flickr, eliminando i dati Exif relativi alla geolocalizzazione. Quindi è stato chiesto alla macchina di dire dove fossero state scattate.  

Il sistema potrebbe correttamente indovinare il continente, nel 48% dei casi del paese nel 28,4%, nel 10,1% le città e anche la strada nel 3,6% dei casi. Siamo solo all'inizio, i numeri potrebbero aumentare sensibilmente nei prossimi anni. Per le foto scattate all'aperto, poi, sarà sempre più difficile nasconderne l'origine. 

Nessun commento: