mercoledì 16 marzo 2016

É molto di tendenza sposarsi in Italia, per i cittadini del mondo.

Destination Wedding Planners Congress 2016
La nostra penisola è la prima destinazione in Europa per le coppie che desiderano sposarsi al di fuori del loro paese d'origine e il secondo nel mondo dietro i "tropici" (Hawaii e altre isole) per le loro spiagge, secondo l'Osservatorio sui matrimoni all'estero. Toscana, la costiera amalfitana e Venezia sono le favorite.

http://www.ravello-wedding.com/Francia, Grecia e India completano il podio, come dice il rapporto pubblicato in occasione di un incontro internazionale di wedding planner a Ravello, in Costiera Amalfitana.

Sono stati gli inglesi che hanno preferito, in maggioranza, sposarsi in Italia (25%), seguiti da americani e canadesi (15%). I russi sono in terza posizione seguiti da giapponesi, australiani, cinesi e sauditi. 

Le mete preferite sono la Toscana (43%), la Costiera Amalfitana (38%), Umbria (8%), Venezia e laghi alpini (6%).

Secondo questo osservatorio, il "turismo matrimoniale" è una vera e propria risorsa economica. Nel 2015, il fatturato di questo settore in Italia ha superato i 400 milioni di euro (contro i 350 milioni del 2014) o "quasi il doppio di quello registrato due anni fa".

Il costo medio di un matrimonio è di 50.000 euro per una media di tre giorni e mezzo. Sarebbe anche un fattore di "fedeltà" dei turisti. Quasi la metà delle coppie che si sposano in Italia ci stanno tornando per festeggiare il loro 1° anniversario, 2° o 3°. 

"L'Italia, come destinazione di nozze, ha un potenziale enorme, e Star come Sofia Coppola, George Clooney, Tom Cruise o Petra Ecclestone non hanno commesso certo un errore scegliendo di sposarsi qui", ha detto Suita Carrano, coordinatrice dell'Osservatorio e direttrice di una rete di wedding planner.

Per lei, il fenomeno "è tutt'altro che banale: parliamo di un settore in piena espansione dell'economia, come dimostrano i numeri". Le autorità devono "impegnarsi ad aiutare le aziende del settore a crescere, come fanno per gli altri". 

I matrimoni, ha detto, potrebbe essere un buon trampolino di lancio per l'occupazione per i giovani disoccupati al sud. 

Nessun commento: