sabato 13 febbraio 2016

Lourdes le Coppie gay invitate a celebrare l'amore

In occasione della festa degli innamorati, Lourdes ha invitato "tutte le forme di coppie". 

https://www.facebook.com/catholique65/photos/gm.1090292300995532/941686802577923/?type=3&theater

Per la prima volta a Lourdes: tutte le coppie, sposate o no, gay o etero, divorziati e risposati ... sono invitate al Santuario della città mariana per celebrare, sabato e domenica, San Valentino, spesso indicata come festa commerciale

"Un week-end per le coppie. Venire a Lourdes per dirvi ti amo", annuncia un opuscolo pubblicitario distribuito dalla diocesi di Tarbes e Lourdes. Esso mostra le sagome di un uomo e una donna che si tengono per mano, nella parte inferiore della pagina un cupido e un cherubino. 

"L'invito è aperto a tutte le forme di coppie, sposate, non sposate, omosessuali ...", ha detto l'amministratore del santuario Thierry Castillo, tuttavia ha specificatp che le coppie non riceveranno, per quella circostanza, la benedizione della Chiesa. 

Per padre André Cabes, Rettore del Santuario, "il miracolo di Lourdes è quello dell'incontro" che di Bernadette Soubirous con la Vergine. É in questo senso che viene lanciato questa operazione San Valentino all'inizio del Giubileo dell'Anno della Misericordia. 

Un centinaio di coppie, ma non omosessuali, si erano registrate online venerdì sera fino a pochi minuti fa, ma altri potranno farlo spontaneamente presso il santuario durante questo fine settimana nella Basilica di Nostra Signora del Rosario a Lourdes, dice David Torchala responsabile della comunicazione per la diocesi di Tarbes e Lourdes. 

"Vedremo chi viene, l'obiettivo non è quello di sapere chi sono", ha detto."L'idea è quella di accogliere tutte le coppie e di affidare il loro amore al Signore. É una preghiera per le coppie "con il Vescovo di Lourdes", ha detto.

"Questa iniziativa mira ad estendere l'amore di Dio a tutti. Si tratta di una prima, guidata dallo slancio del Papa in questa celebrazione del Giubileo", ha detto il portavoce della diocesi, sottolineando che non ci sarebbe "nessuna benedizione nuziale" o di "atto ecclesiale". 

La chiusura del recente Sinodo sulla famiglia, alla fine di ottobre, ha segnato un'apertura verso i divorziati risposati, il Papa Francesco aveva chiesto di accogliere coloro che sono "tenuti in disparte". "Se qualcuno è gay e cerca il Signore con la buona volontà, chi sono io per giudicare?", ha detto il Papa due anni fa al termine della Giornata Mondiale della Gioventù a Rio. 

San Valentino, la cui storia risale ai tempi dell'Impero Romano, fu nominato patrono degli innamorati dalla Chiesa nel Medioevo. Mentre ora la festa è ampiamente considerata come secolare e commerciale. 

Nessun commento: