domenica 1 febbraio 2015

Le mele non sono più quelle di una volta. Perché?

Una mela del 1950 equivale a 100 di oggi. 

Affondare i denti in una pesca e ingoiare ... acqua zuccherata. Mangiare di più e ancora di più, per alimentarsi meno. Mentre nei paesi sviluppati l'assunzione di calorie aumenta, la maggior parte dei prodotti alimentari non trasformati che mangiamo: frutta, verdura e cereali diventano gusci vuoti sul piano nutrizionale. 

http://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/11281-vitamine-tutte-proprieta-cibi

Una dozzina di studi universitari canadesi, americani e britannici, pubblicati tra il 1997 e oggi hanno riportato un crollo delle concentrazioni di nutrienti nel nostro cibo. 

http://organic-center.org/reportfiles/YieldsReport.pdfQuesti studi, sintetizzati in "Still No Free Lunch" (PDF) di Brian Halweil, ricercatore al Worldwatch Institute, conferma l'aumento di grassi "senza calorie" e zuccheri inutili alla salute. 

Gli stessi cibi 'sani', contenenti vitamine A e C, proteine, fosforo, calcio, ferro e altri minerali e oligoelementi sono stati dimezzati, per quanto riguarda i preziosi contenuti, da 25 a 100 volte, in mezzo secolo. 

Per trovare le qualità nutrizionali di un frutto o vegetale degli anni '50, bisognerebbe ora mangiarne almeno una mezza cassetta, se non intera.

Per esempio, il contenuto in Vitamina C: una mela ieri = 100 mele oggi. 

Ieri, quando i nostri nonni sgranocchiavano una bella mela ingoiavano 400 mg di vitamina C, essenziale per la produzione e riparazione di pelle e ossa. Oggi, i supermercati ci offrono bidoni d'oro standardizzati, che portano che 4 mg di vitamina C ogni. Cento volte meno. 

Philippe Desbrosses, dottore di ricerca in scienze ambientali presso l'Università di Parigi VII e attivista per la conservazione del vecchio seme, lamenta: 

La vitamina A: arance arancione di ieri = a 21 oggi
"Dopo decenni di allevamento, l'industria alimentare ha selezionato le più belle verdure e più resistenti, ma raramente i più ricchi dal punto di vista nutrizionale". 

Preziosa per la nostra vista e il nostro sistema immunitario, la vitamina A è in calo in 17 dei 25 tipi di frutta e verdura vagliati da ricercatori canadesi in uno studio sintetizzato da CTV News (PDF)

Il calo è totale per le patate e cipolle, che oggi non contiene più niente. Mezzo secolo fa, uno arancia avrebbe coperto quasi tutte le nostre esigenze quotidiane, la famosa RDA (razione giornaliera raccomandata), di vitamina A. 

Oggi bisognerebbe mangiarne 21 per mandar giù la stessa quantità di preziosa vitamina. Allo stesso modo, la pesca di 50 anni fa era l'equivalente di 26 pesche di oggi. 

Il ferro: la carne ne contiene 2 volte meno. 

Al vertice della catena alimentare, vi sono i cereali. Grano, mais e soia che sono oggi più poveri di zinco, rame e ferro di 50 anni fa. Impoveriti da decenni di agricoltura intensiva e selezioni delle varietà, questi cereali riappaiono negli stomaci dei nostri animali, che, implicitamente, sono alimentati meno dei loro antenati. 

Fine della catena alimentare, l'animale si trasformerà in una quantità inferiore di micronutrienti nei nostri piatti. Questo è l'effetto domino identificato dal ricercatore americano David Thomas. Nel suo studio pubblicato sulla rivista Nutrition & Health, egli osserva che lo stesso peso, lo stesso pezzo di carne contiene due volte meno ferro di mezzo secolo fa.

Altri danni collaterali: il latte "ha perso i suoi acidi grassi essenziali", dice Philippe Desbrosses, essenziali nelle nostre membrane cellulari, sistema nervoso e cervello. Naturalmente presente nell'organismo, ma in quantità molto piccole, deve essere integrato dal cibo. 

Calcio: quattro volte di meno nei broccoli 
Cattive notizie. Se i broccoli compaiono sulla lista di quelle verdure che si accettano pensando alla salute, non avete finito con le smorfie. Questo cavolo, venuto dal Sud Italia, conteneva 12,9 mg di calcio per grammo nel 1950, alleato nella formazione ossea e la coagulazione del sangue. Ne aveva ancora ancora più di 4,4 nel 2003, secondo uno studio della University of Texas, oggi, quattro volte meno. 

Se si conta su questo per compensare la carenza di ferro avete sbagliato. Si dovrebbe metterne sei volte nel brodo per ottenere gli stessi benefici come in passato. Dei 25 tipi di verdure studiati dal gruppo di ricerca canadese, l'80% aveva il calcio e ferro in caduta libera. 

L'agricoltura biologica, allora, è la soluzione? 
I fattori di questo calo sono molteplici: Suoli più poveri, piante raccolte troppo presto, trattamenti di conservazione più frequenti, più rapide crescite drogate da fertilizzanti e una riduzione del numero di varietà, selezionate per la loro resistenza ai parassiti e la loro crescita rapida ...

Tutti elementi attribuibili ad una ricerca di maggiori guadagni. Risultato "per il mais, grano e soia: più alto è il rendimento, più basso è il contenuto di proteine", dice Brian Halweil, nel suo studio. Lo stesso vale per le concentrazioni di vitamina C, antiossidanti e beta-carotene nei pomodori: più i rendimenti aumentano, minore è la concentrazione di nutrienti (vedi PDF)

Al contrario, "l'agricoltura biologica può contribuire a invertire la tendenza", dice l'Halweil nel suo studio. Infatti, a parità di condizioni climatiche: 

"I cibi biologici contengono significativamente più vitamina C, ferro, magnesio e fosforo rispetto agli altri". 

Ma il ricercatore avverte:
"Se gli agricoltori biologici sviluppassero un sistema simile a quello che produce alti rendimenti paragonabili alle aziende agricole convenzionali, il vantaggio del biologico-nutrizionale verrebbe eroso". 

Allo stesso modo, se i prodotti biologici venissero raccolti prima della maturazione, sarebbero meno ricchi di sostanze nutritive di quelli che maturano secondo l'agricoltura tradizionale. L'unica strategia per recuperare alla vita il proprio desco: Scegliere alimenti maturi, prodotti di colture non intensive e andare a caccia di varietà dimenticate. Una vera epopea .... 

Nessun commento: