sabato 31 gennaio 2015

La flagellazione di un blogger. condannato a 1000 frustate.

http://www.amnesty.it/Arabia_Saudita_attivista_online_apostasia
Il blogger saudita Raif Badawi è sfuggito alla fustigazione venerdì per la terza settimana consecutiva. 

http://www.amnesty.it/Arabia_Saudita_attivista_online_apostasiaLa Corte Saudita ha rinviato venerdì 30 gennaio per la terza volta consecutiva, la fustigazione del blogger Raif Badawi (vedi Amnesty International), così come riferisce sua moglie. Il blogger è stato condannato a 1.000 frustate in 20 settimane per "aver insultato l'Islam". 

Badawi aveva subito le prime 50 frustate, il 9 gennaio, ma le due sedute di trattamento successive sono state respinte per ragioni mediche. Il suo caso ha indignato tutto il mondo, le Nazioni Unite hanno denunciato il fatto con una frase "crudele e disumana". 

Mio marito "non è stato frustato", ha detto venerdì SCSTA Haidar, la moglie fuggita in Canada con i suoi figli, senza fornire ulteriori dettagli. Il giorno prima, aveva espresso preoccupazione per la salute del marito, che soffre di ipertensione dopo il suo arresto nel 2012. "La salute di Raif va male in peggio".

Affiancata dai leader di Amnesty International, la signora Haidar si era detta "molto preoccupata per lui", perché "è impossibile per un essere umano ricevere 50 frustate ogni settimana". 

Il rinvio della seconda fustigazione, secondo la moglie e Amnesty International è dovuto al fatto che le ferite delle prime frustate non erano sufficientemente guarite.

Raif Badawi, di 31anni, animatore del sito saudita Liberal Saudi Network e vincitore nel 2014 del premio Reporter senza frontiere (RSF) per la libertà di stampa, è stato imprigionato dal 2012 ed è stato infine condannato a novembre dalla giustizia del suo paese, con l'applicazione di una visione molto rigorosa della sharia (legge islamica).

Condannato a sottoporsi a 1000 frustate (50 a settimana per 20 settiman), accanito difensore delle libertà di espressione, il suo sito web aveva chiesto la fine dell'influenza religiosa nel regno, governato dal wahabismo, una versione rigorosa dell'Islam.

Secondo la moglie, il processo contro il marito focalizzata su dichiarazioni a France 24 nel dicembre 2010. "Un ateo ha il diritto di dire quello che vuole (...) e nessuno ha il diritto di rendere conto del suo punto di vista".

Amnesty International ha dichiarato che Badawi potrebbe soffrire di "danni fisici e mentali a lungo termine", a causa delle fustigazioni, e di essere "in pericolo". 

_________

Nessun commento: