lunedì 12 gennaio 2015

I Gesuiti si autoderidono per Charlie Hebdo.

La rivista dei Gesuiti Études ha pubblicato sul suo sito un breve testo, dal titolo 'Nous sommes Charlie', a sostegno di Charlie Hebdo, piuttosto sorprendente: 

"Come non indignarsi per l'omicidio commesso a sangue freddo? L'attacco che ha ucciso dodici persone nella redazione di Charlie Hebdo ci riempie di orrore. Attraverso un giornale e le sue opzioni, è la libertà di espressione, che è minacciata dal terrorismo. Le reazioni unanimi che sono sorte, a destra come a sinistra, tra credenti e non credenti invitano a non cedere alla paura e a difendere una società plurale.

Abbiamo deciso di mettere on-line alcune vignette di Charlie Hebdo che si riferiscono al cattolicesimo. E' un segno di forza essere in grado di ridere di alcuni tratti dell'istituzione a cui apparteniamo, perché è un modo per dire che ciò che apprezziamo è al di là delle forme sempre transitorie e imperfette. L'umorismo nella fede è un buon antidoto contro il fanatismo e quello spirito di serietà che tende a prendere tutto alla lettera. 

Esprimiamo la nostra solidarietà ai nostri fratelli assassinati, alle altre vittime, alle loro famiglie e amici". 

Seguono questi quattro disegni da Charlie Hebdo. 
http://www.clipular.com/c/5478199695769600.png?k=GHwP77n_FCQPGT2tYH1Yht5NFA4

vedi anche facebook.com/ revue.etudes
Articolo in lingua originale

Nessun commento: