giovedì 3 aprile 2014

Un decesso su 8 dipende dall'inquinamento. Allarme dell'OMS. Respiriamo l'irrespirabile.

L'aria inquinata ha ucciso 7 milioni di persone nel 2012
Black soot produced by burning refinery by-products at a petrochemical complex south of Lyon, FranceL'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che l'inquinamento dell'aria è diventato "il principale rischio per la salute ambientale nel mondo".
               
L'inquinamento atmosferico ha ucciso, dunque, 7 milioni di persone nel 2012 in tutto il mondo ed è urgente intervenire per ridurre le emissioni tossiche, che provocano malattie mortali, ha avvertito Martedì 25 marzo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).
              
"L'inquinamento dell'aria è chiaramente diventato un importante rischio per la salute ambientale nel mondo", ha dichiarato Maria Neira, Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica presso l'OMS, nel corso di una conferenza stampa di Lunedì a Ginevra, durante la presentazione dello studio dell'organizzazione internazionale.
             
Questi 7 milioni di morti nel 2012 rappresentano il 12,5% dei decessi in tutto il mondo, ovvero 1 decesso su 8. I risultati dello studio del 2012 hanno dimostrato che "i rischi dovuti all'inquinamento atmosferico sono ora più importanti di quanto si pensasse, in particolare per quanto riguarda malattie cardiache e ictus, pochi sono i rischi che hanno un impatto cosi alto sulla salute globale attuale quanto l'inquinamento dell'aria (...) è necessario uno sforzo concertato per rendere l'aria che respiriamo più pulita", ha aggiunto. 
               
Un precedente studio OMS risale al 2008, ma è difficilmente paragonabile, perché la metodologia non è la stessa, essendosi concentrata sulle zone urbane, mentre nel 2012 si è riferito anche alle zone rurali.
              
Nel 2008, l'OMS riferì che 1,3 milioni di persone sono morte a causa dell'inquinamento dall'aria esterna e 1,9 milioni per quella interna queste cifre del 2012 "sono molto preoccupanti", ha detto Maria Neira, che crede che potremmo riuscire a "salvare milioni di vite con la lotta contro l'inquinamento".
                  
Le recenti introduzioni del traffico alternato, dove l'inquinamento dell'aria ha raggiunto picchi notevoli, sono una "buona misura", ha detto il dottor Carlos Dora, Coordinatore OMS per la salute pubblica. "Fare ricorso a biciclette condivise gratuite e trasporto pubblico" rappresenterebbero misure altrettanto desiderabili.
                
Secondo lui, "l'inquinamento atmosferico eccessivo è spesso la conseguenza di politiche approssimative in settori quali i trasporti, l'energia, la gestione dei rifiuti e l'industria".
                 
Nel 2012, 3,7 milioni di persone sono morte a causa degli effetti dell'inquinamento dell'aria esterna e 4,3 milioni a causa dell'inquinamento dell'aria interna, si tratta spesso di fumo e vapori connessi ad apparecchi di cottura o riscaldamento a Legna o stufe a carbone.
                
L'OMS ha anche osservato che le regioni più colpite dalla mortalità grazie all'inquinamento atmosferico sono l'Asia e il Pacifico, con 5,1 milioni di morti. Attualmente, circa 2,9 miliardi di persone nel mondo vivono in case in cui vengono utilizzati legno, carbone o biomassa per cucinare.
                        
Anche il Diesel è ora denunciato dall'OMS. "Il diesel è molto dannoso perché produce una sostanza cancerogena", ha detto il dottor Dora. Le malattie più comuni prodotte dal disastro atmosferico sono quelle polmonari, cardiovascolari e i tumori.
                     
Lo studio del 2012 mostra anche che vi è una correlazione piuttosto forte del previsto tra inquinamento atmosferico e malattie cardiovascolari e tra cancro polmonare e inquinamento atmosferico. L'OMS completerà questo studio prima della fine dell'anno, con la pubblicazione di una serie di 1600 città del mondo, ordinate in base al loro livello di inquinamento dell'aria.

Nessun commento: