venerdì 4 aprile 2014

Sembra fantascienza, La pillola dell'intelligenza a portata di mano. Negroponte dixit

La pillola che rende più intelligente
Un esperto sostiene che entro 30 anni sarà possibile imparare ingerendo una compressa. L'idea, poi, non è così folle.
"Potremo letteralmente mandar giù informazioni.
Una volta nel sangue, un dispositivo le indirizzerà al vostro cervello. Basterà una pillola per conoscere l'inglese o Shakespeare".
BBC
Sembra una citazione da film di fantascienza. Eppure è stato detto a una conferenza scientifica. Il suo autore non è uno scienziato pazzo, ma Nicholas Negroponte, fondatore di Media Lab, la ricerca interdisciplinare presso il prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT). E 'stato soprattutto il padre del "One Laptop per Child", che mira a fornire un laptop (pc portatile) adr ogni bambino nel mondo. Insomma un un uomo serio e rispettato.
                    
 photo 327e11ad-7d42-40a9-8d8d-80ada7358fe5.jpgIl mondo scientifico, in subbuglio, é diviso su questa affermazione, sulla fattibilità di un tale progetto. Alcuni esperti sostengono si tratti di applicare la fisica quantistica, mentre i neurologi credono che è impossibile riprodurre con l'approccio clinico l'apprendimento, anche conoscendo i meccanismi molecolari e cellulari che si verificano nel cervello.
             

Al di là della fattibilità, ciò che è interessante di questa affermazione è l'immagine che Negroponte ha dell'essere umano.  Infatti, con questa tesi, Nicholas Negroponte presuppone che l'uomo e la macchina funzionino allo stesso modo. Il cervello è un computer che viene utilizzato per memorizzare ed elaborare le informazioni. "In un articolo scritto nel 1991, Marvin Minsky, professore al MIT, aveva sviluppato la sua teoria di una maggiore memoria, in qualità di  l'antropologo specializzato in tecnica cibernetica. Con un sistema, come un connettore USB, per caricare delle conoscenze nel cervello, attraverso una presa o apposito orifizio. Negroponte si spinge più in là e parla addirittura di deglutizione. 
   
Non c'é da meravigliarsi di questa idea dello scienziato americano, che tutto sommato non è banale. Quello che io o voi pansiamo dell'evoluzione degli esseri umani ha poca importanza. Negroponte è un personaggio in vista, dipendente di un grande istituto di ricerca che ha enormi risorse finanziarie. Quindi, anche se quello che dice è una trovata pubblicitaria o un bluff, l'idea è nell'aria e ha i mezzi per influenzare la ricerca in questa direzione. 

Le persone che hanno questo forte ascendente sono dei tecnoprofeti, scienziati di fama che osano trascendere i limiti della natura umana. Kevin Warwick, professore di cibernetica all'Università di Reading, in Inghilterra. Ha implementato neuroni vivi (ratto e uomo nel 2008 e 2011) in un robot per creare un sistema ibrido robot-uomo. Aveva anche previsto di impiantare un chip nel cervello. Quando si parla di Warwick e la sua ricerca, il pubblico pensa si tratti di fantascienza. 
               
C'è anche una ricerca che mira a modellare il cervello umano per capirne il funzionamento. In teoria, il cervello e la sua modellazione sono identici. "Secondo la specialista, l'esistenza di tutti questi progetti paralleli sull'argomento dimostra che vi è proprio una tendenza globale. Sarebbe troppo facile respingere la proposta avanzata da Nicholas Negroponte. Il confine tra fantascienza e realtà è spesso molto tenue.

Nessun commento: