mercoledì 19 febbraio 2014

La composizione del latte materno, è diversa per maschi o femmina: lo stabilisce una ricerca


Formula milk should be reformulated to be gender-specific, says Dr Katie Hinde, from Harvard UniversityIl latte materno è diverso per i ragazzi e le ragazze.
Ha una composizione diversa se destinata a dare vita ad un maschio o una femmina. 
   
Studi sull'uomo, scimmie e altri mammiferi hanno rivelato una varietà di contenuti del latte e di quantità prodotte.
"Le madri producono diverse ricette biologiche per un ragazzo e una ragazza", sostiene Katie Hinde, biologa dell'Università di Harvard. (pubblicazioni)
      
I ragazzi ricevono un latte più energetico, ricco di grassi e proteine, mentre le ragazze ottengono maggiori quantità di latte.
       
Diverse teorie sono state avanzate per spiegare questo fenomeno, osserva Katie Hinde durante la sua presentazione alla conferenza annuale dell'Associazione Americana per l'Avanzamento della Scienza (AAAS), riunitasi a Chicago dal 13 al 17 febbraio.
     
Nelle scimmie rhesus, per esempio, la femmina tende a produrre più calcio nel latte per la prole femminile che eredita lo stato della madre.
"Questo permette alle madri di dare più latte alle loro figlie perchè accelerino il loro sviluppo ed inizino a riprodursi in più giovane età", ha spiegato la biologa evoluzionista.
I maschi non devono raggiungere la maturità sessuale più rapidamente delle femmine perché il loro unico limite sulla frequenza di riproduzione dipende dal numero di femmine che possono conquistare.
   
Le scimmie femmine sono allattate al seno più a lungo rispetto ai maschi che trascorrono più tempo a giocare e hanno, quindi, bisogno di più latte con energia. 
      
Ma in realtà non si sa ancora perché le madri degli esseri umani producano latte per i loro bambini diversi per genere, ammette la scienziata. Ci sono indicazioni che fanno supporre che tutto sia già impostato quando il bambino è ancora nel grembo materno. 

Lo studio della Hinde, pubblicato alcuni giorni fa, dimostra che il sesso del feto influenza la produzione di latte di vacca, dopo la separazione dai feti loro vitelli, di solito entro poche ore dopo il parto.   
   
In base a questa ricerca su 1.490.000 vacche è emerso che nel corso di due cicli di 305 giorni di lattazione, hanno prodotto una media di 445 kg più latte quando hanno partorito femmine piuttosto che maschi.
         
I ricercatori non hanno trovato differenze nel contenuto in proteine ​​o grassi nel latte destinato alla prole femmina o maschio. 
           
Va da sè che comprendere le differenze nel latte materno e l'impatto sullo sviluppo del bambino potrebbe contribuire a migliorare le formule del latte per i bambini di madri che non possono allattare.
           
"Se il valore nutrizionale del latte materno è ben riprodotto in formule, i fattori che promuovono l'immunità infantile e i segnali ormonali sono assenti", ha detto la ricercatrice.
                  
Capire meglio quando il latte è "su misura" per ad ogni bambino equivale ad aiutare gli ospedali a trovare il latte dal seno donato per aiutare nella alimentazione i bambini malati e prematuri.

Nessun commento: