domenica 4 marzo 2012

Lo sviluppo sostenibile - il social_liberismo - postdemocrazie e finanza

Lo "sviluppo sostenibile è l'ossimoro più assurdo che l'uomo abbia mai inventato: per definizione, nessuno sviluppo è sostenibile" (Serge Latouche).


 Quali sono le sfide del futuro che riguardano il nostro piccolo borgo e tutta la comunità umana? "Siamo tutti imbarcati nella medesima galera in vista di un naufragio", a breve vedremo confrontarsi metodi, opinioni, strategie, durante la campagna elettorale, qualcuno ci dirà anche di questi argomenti: della società, della vita, del futuro sostenibile. Perchè non siano ostici o addirittura incomprensibili, lo dico proprio ai più distratti, propongo alcune note e filmati che ci convincano sulle direzioni da seguire senza affidarci alla casualità. Cosicchè se qualcuno ci parlerà di governance sarà meglio che ci spieghi dove vuole andare a parare e che diavolo vuol dire.



'I governi europei sono post democrazie dominate dai media e dalla finanza. Il social-liberismo in cui ci vogliono far credere è in realtà un ossimoro: il liberismo non è per niente sociale. La crisi potrebbe segnare la fine del capitalismo per come lo conosciamo, a vantaggio di una forma di fascismo che consenta ai ceti alti di mantenere il loro tenore di vita' .... 
 Vedi >>>  EffettoTerra - Sportello di supporto ai consumi sostenibili ed eco-compatibili (intervista di Giulia Innocenzi Servizio Pubblico 19 gennaio 2012).


Ecco, ancora: EcoRoots intervista Serge Latouche (Matera, 10-11-2010)

Nessun commento: