domenica 15 aprile 2018

Un mutante umano e non una mummia extraterrestre. L'archeologia ad Atacama

I ricercatori hanno analizzato i geni di una piccola mummia umana. Simile agli alieni, con delle mutazioni raramente viste prima. 
http://www.bbc.com/news/science-environment-43489246
Quindici centimetri di lunghezza. Questa è la dimensione della mummia di Atacama, la cui analisi del DNA ha svelato i segreti, pubblicati su Genome Research il 22 marzo

Questo esemplare simile ad un alieno fu scoperto nel 2003 nel deserto cileno di Atacama (da cui il suo nome), ricorda la BBC, ed è stato conservato in una collezione di appassionati di archeologia. 

Oltre alle sue 'dieci costole invece di dodici (di un normale essere umano), orbite giganti e di un cranio allungato che termina in un punto', come descritto dal New York Times, la sua caratteristica principale è che 'le sue ossa sono sviluppate quasi come quelle di un bambino di 6 anni', leggo su  National Geographic

I risultati dello studio hanno dimostrato che la mummia è 'una bambina nata morta o poco dopo il parto', dice alla BBC Garry Nolan della Stanford University in California, uno dei principali autori dello studio. 

I ricercatori hanno confrontato i geni di Atacama con un genoma umano standard, afferma Science. Questo ha permesso l'identificazione '54 rare mutazioni' in geni correlati alle predisposizioni 'che vanno dalla scoliosi al numero anomalo di costole, incluso il nanismo', riporta il New York Times. 

Secondo i ricercatori, lo scheletro è stato così ben conservato che è difficile datarlo: '... è stato tenuto in una cassaforte per cinquecento anni o è molto recente'. Il New York Times riporta l'ipotesi degli scienziati: la mummia sarebbe vissuta dopo il 1500 e la colonizzazione del Cile perché sono state rilevate nei suoi geni le origini europee. 

Intervistato dal Chicago Tribune, Sanchita Bhattacharya, dell'Università della California a San Francisco, coautore della pubblicazione, afferma che un uomo così piccolo con età ossea così avanzata non è mai stato osservato. Tuttavia, il New York Times insiste sull'impossibilità di confermare se, oggi, i neonati soffrano di simili malformazioni o se la mummia di Atacama sia un caso unico: solo negli Stati Uniti sono stati identificati 24.000 nati morti. all'anno, senza le proprietà fisiche o genetiche studiate. 'Non ci sono dati sufficienti', afferma il New York Times. 

Ma la medicina potrebbe trarre beneficio dalla ricerca su Atacama, auspica Nolan, ancora nelle colonne della BBC: studiando la crescita prematura delle sue ossa, potremmo un giorno accelerare il recupero dei pazienti con gravi fratture.

Nessun commento: